Archivi tag: ricette

FRITTELLE DOLCI CON FIORI DI ZUCCA E RIBES

Frittelle dolci di fiori di zucca
Frittelle dolci di fiori di zucca

Io odio la TV, l’unica cosa che guardo – guardavo- erano le serie TV , tutto il resto per me è sempre stato un inutile rumore di sottofondo che dopo 10 minuti mi da ai nervi. Io??? NON farò mai vedere la tv a mia figlia, mai mai mai, categorico eh, MAI.

Mangia solo con Masha e orso .

Non lo so perché ma lo immaginavo come un cartone vagamente sobrio e istruttivo. NO. C’è sta marmocchietta pettinata a scopettone del giardino che i vestiti li cambia solo quando Orso, animale notoriamente atto al babysitting gratuito di umani, glieli crea in un nanosecondo perché lei è talmente zozza da fargli pena. Sta Masha vive da sola in una casa in mezzo al bosco con il treno che le passa in giardino , un maiale che  ascolta la musica con le cuffiette come 30 anni fa e ha una pozzanghera profonda quanto la fossa delle Marianne, poi ci sono capretta grigio topo e un cane che vivono nella cuccia del cane come dentro alla borsa Mary Poppins. I genitori ad oggi non sono pervenuti, considerando che ha 6 denti , cammina e scassa all’inverosimile la ubicherei tra l’anno e l’anno e mezzo , abbandono di minori insomma.

Vabbè sta SO —— scassa olive —–  attraversa un prato di girasoli e arriva a casa di Orso, una villa a due piani con tanto di poltrona, caminetto e TV, si sa che gli orsi amano guardare Uomini e Donne con la Defilippi, ha un box che contiene il mondo, giochi di prestigio, cassette per gli attrezzi, macchine da cineripresa,  set fotografici, materiale per la pittura professionale, caschi da parrucchiere e tanto altro, compresa una tarma che gli mangia mezza casa nonostante lui abbia anche l’uranio impoverito per abbatterla. é innamorato di Orsa, sta bambolona con l’ombrello sempre aperto che sculetta come se fosse Belen ma col fisico di Maurizio Costanzo. La missione di Orso è rimorchiare sta culona e salvare Masha da due temibili LUPI che vivono in un’ambulanza  fermata solo da alcuni sassi sopra ad una collina con una pendenza del 99% circa. Vorrei tanto vederli di prima mattina mezzi addormentati come fanno ad aprire il portellone ed uscire senza morire a valle. Il tutto condito da sto coniglietto che passa le giornate a rubare carote, sempre nello stesso punto e sempre allo stesso punto di maturazione con la grande ambizione di farsi una parrucca blu come Marge Simpson.

Per completezza ho visto solo 10 puntate, ditemi che migliora, vi prego, intanto mi consolo almeno con le frittelle.

 

INGREDIENTI per circa 15 frittelle:

5 fiori di zucca o di zucchina puliti , lavati , ben tamponati e tagliati a listarelle ( quelli di zucca sono più delicati come sapore )
2 cucchiai abbondanti di farina
1 cucchiaio raso di zucchero
1 uovo
Un pizzico di sale
Una puntina di lievito
Un rametto di ribes rossi lavati , puliti e tamponati con lo scottex

+ l’olio per friggere e lo zucchero post frittura ( un cucchiaio circa)

PROCEDIMENTO:

    • sbattete bene l’uovo, aggiungete la farina e lo zucchero, poi il lievito e i fiori
    • in ultimo unite i ribes
    • una volta che gli ingredienti sono ben amalgamati mettete a scaldare l’olio – è pronto quando appoggiando lo stuzzicadenti si formano le bollicine intorno- e con l’ausilio di un cucchiaino mettete il composto nell’olio
    • Mettetene poche per volta e giratele quando prendono colore
    • Scolatele, tamponatele con lo scottex velocemente e passatele nello zucchero

 

Ps : coi ribes schizza un pochino l’olio ma se usate una pentola coi bordi alti non c’è problema, non sono fondamentali ma sgrassano molto bene il sapore in bocca e stanno bene insieme alla frittura.

ps: la frittura deve avvenire in abbondante olio.

RISOTTO CON CREMA DI ZUCCHINE E GAMBERI (senza lattosio, senza latticini)

Riso del delta del Po

 

Avevo il vago sentore che questo riso fosse qualcosa di favoloso e in effetti lo è stato davvero, mantiene la cottura in modo divino, i chicchi stanno ben sgranati e il sapore è meraviglioso. Che questa collaborazione fosse una bomba ve l’avevo già preannunciato e ve ne do ancora una volta conferma, questo riso lo trovate su l’e-shop di Destination Gusto!!

Riso gamberi e zucchine
Risotto gamberi e zucchine con riso del Delta del Po

INGREDIENTI:

140 grammi di riso
10 gamberetti
una zucchina
vino bianco qb
500 ml di brodo fatto con le teste dei gamberi, una pezzetto di porro e la parte interna della zucchina
aglio e porro
un cucchiaio di panna di riso per dare cremosità ma si può anche omettere
olio
peperoncino
timo meglio se quello cedrino/limonato
sale & pepe

PROCEDIMENTO:

  • pulire bene i gamberi dal carapace e con cura levare anche l’intestino che rilascia sia l’amaro che la sabbia
  • lavare bene la zucchina e prelevare solo la parte esterna
  • passare nel frullatore ad immersione la zucchina a crudo con l’olio, il sale e il pepe
  • mettere a rosolare l’aglio e il porro in padella con l’olio
  • aggiungere il riso e sfumare con il vino appena sarà ben rosolato
  • aggiungere il sale, il timo e il peperoncino a vostro piacere
  • continuare la cottura aggiungendo poco alla volta il bordo di teste e verdure filtrato
  • tagliare i gamberi a pezzetti piccoli tenendone da parte qualcuno più grosso
  • 5 minuti prima della fine della cottura aggiungerli al riso
  • a cottura ultimata immettere  un cucchiaio di panna di riso e lasciar riposare qualche istante
  • assemblate il piatto mettendo prima il risotto e poi i gamberi tagliati più grossolani, mettete poi la crema di zucchine a crudo e  se l’avete la polvere di arancia ( che ho dimenticato di aggiungere)

 

44938ADF-B80A-4BF5-9ED0-F027AF151CCE

CROSTATA ALLE FRAGOLE (senza lattosio)

Oggi vi lascio un dolcetto da fare per San Valentino , di una semplicitá disarmante e soprattutto senza cuoricini pussi pussi love amore ciccino patatino!

Perdonatemi ma la filosofia #zerosbatti ultimamente regna sovrana!

Crostata alle fragole senza lattosio

 

INGREDIENTI :

per la frolla

250 g di farina 00
125 g di burro senza lattosio (0,01%) a temperatura ambiente
125 g di zucchero
3 tuorli
zeste di limone

per la farcia:

250 g di mascarpone senza lattosio ( 0,01% di lattosio)
Un cucchiaio di rum
3 cucchiai di zucchero ( ma regolate la dolcezza a vostro piacimento)
polvere di vaniglia Bourbon

decorazione:
fragole
foglioline di menta

 

PROCEDIMENTO:

  • prepariamo la frolla impastando tutti gli ingredienti insieme e lavorandola il meno possibile per far in modo che esca friabile e non elastica
  • cuociamo la frolla in forno a 180 gradi per circa 20 minuti , guardate che sia leggermente dorata prima di sfornarla
  • mentre la frolla raffredda prepariamo la farcia rendendo a crema il mascarpone con lo zucchero, aggiungiamo la vaniglia e il rum a piacere
  • mettiamo la crema nella sac a poche e la mettiamo nel guscio di frolla fredda
  • laviamo bene le fragole , togliamo il verde e le tagliamo a spicchi
  • le adagiamo sul mascarpone e decoriamo con qualche fogliolina di menta miracolosamente sopravvissuta all’inverno e al mio pollice verde!

 

 

 

VELLUTATA DI ZUCCA AL ROSMARINO E CECI ( senza lattosio, senza latticini, senza glutine)

Vellutata di zucca al rosmarino con ceci e pancetta

Un piatto ricco, calorico e perfetto per questa stagione fredda. La crema di zucca con i ceci rolosati e la pancetta croccante sono il giusto mix tra goloso e nutriente, soprattutto se abbinati ad una bella dose di verdure fresche.

INGREDIENTI per 2 persone

1/4 circa di zucca
160 g di ceci ( ho usato quelli secchi Selex)
40 g di pancetta senza lattosio
2 cipollotti
rosmarino
sale
pepe
peperoncino
olio

PROCEDIMENTO:

  • mettere in ammollo almeno 12 ore i ceci secchi
  • scolarli e sciacquarli bene
  • in un tegame mettere un cipollotto ad appassire, aggiungere i ceci, il pepe , il peperoncino, il rosmarino e coprire con l’acqua calda
  • far cuocere per circa un’oretta e verso fine cottura salare ( questo permette ai ceci di restare morbidi e non buttare fuori l’acqua)
  • levare la buccia alla zucca e tagliarla a dadini
  • lessarla in abbondante acqua per circa 20 minuti
  • in un tegame a parte rosolare il cipollotto con poco olio, aggiungere la zucca, il sale e il rosmarino ed una volta uniformato il tutto rendere a crema con il frullatore ad immersione
  • rosolare la pancetta  senza olio a parte ed aggiungere i ceci per pochi istanti
  • servire mettendo la vellutata di zucca sul fondo, poi i ceci e la pancetta ed un filo d’olio a crudo.

 

TARTARE COTTA DI TROTA (senza lattosio, senza latticini)

Sempre per la sezione #zerosbatti , cioè quelle ricette che si fanno in un batter d’occhio e senza troppe fatiche , vi propongo questa versione fredda della trota.

 

Tartare cotta di trota senza lattosio

INGREDIENTI:

una trota pulita ed eviscerata oppure un filetto già pulito di circa 250 grammi
una decina di pomodorini
2 rametti di timo
vino bianco
olio
limone
sale e pepe

PROCEDIMENTO:

  • passare delicatamente il dito sul pesce per sentire se ci sono lische, in caso levarle con una pinzetta da cucina
  • lavare e tagliare i pomodorini in pezzi grandi
  • adagiare la trota su un foglio di carta forno
  • aggiungere un filo d’olio, 1 cucchiaio di vino bianco, sale, timo e i pomodori
  • chiudere la carta forno sopra al pesce in modo che cuocia uniformemente mantenendo bene il profumo degli aromi messi
  • infornare a 200 gradi per 15 minuti circa
  • far raffreddare, levare la pelle e tagliarle sia i pomodori in pezzi piccoli che il pesce a tartare
  • creare un’emulsione con l’olio, il limone  e il pepe e condire sia i pomodori che il pesce
  • se preferite potente anche “condirla” con un cucchiaino di maionese al pompelmo o alla paprika!

PASTA CON CIUFFI DI TOTANO, POMODORO E LIMONE (senza lattosio, senza latticini)

Pasta con ciuffetti e pomodori lactose free

Si dice che i condimenti più buoni per la pasta siano quelli pronti nel tempo di cottura della pasta stessa. La carbonara, la gricia , la cacio e pepe, il pesto, il classico pomodoro e basilico, la sublimità degli spaghetti con le vongole e potrei andare avanti per ore. Nel mezzo vorrei aggiungerci anche i ciuffetti di totano con pomodori e una leggera spolverata di polvere di limone!

INGREDIENTI:

250 g di pasta a vostra scelta
200 g di ciufetti di totano ( meglio se freschi e già puliti dal pescivendolo)
5/6 pomodorini maturi
timo & cipolla
sale & pepe
timo
polvere di buccia di limone

PROCEDIMENTO:

  • pulire bene i ciuffetti
  • mettere la cipolla a soffriggere insieme all’olio
  • Aggiungere i ciuffetti di totano
  • alzare la fiamma e sfumare bene con il vino bianco
  • una volta evaporato abbassare la fiamma e aggiungere i pomodorini ben lavati e tagliati a pezzettini piccoli
  • regolare di sale e pepe e aggiungere il timo, se si asciugano troppo allungare con acqua di cottura della pasta
  • lessare in abbondante acqua salata  la pasta e una volta cotta scolarla e farla saltare in padella con i ciuffetti
  • Servire spolverando la polvere di limone in superficie e una grattata di pepe

 

Vi ricordate del Lactose free expo di quest’anno?! Io ho già prenotato l’albergo e vi aspetto!

https://www.glutenfreeexpo.eu/in

PASTA FREDDA GAMBERI E LIME (senza lattosio, senza latticini)

Pasta fredda lime e gamberi senza lattosio

Che odio il caldo ve l’ho mai detto?? Fosse per me salterei da giugno a settembre e poi via verso il mio amato Natale ☃️🎅🏼
Giusto per evitare 2 cosette:
❄️ la fantastica puzza di ascelle con pelo a vista che intravedi ovunque, e ti chiedi : “ma perchè va di moda non lavarsi?? “
❄️l’appiciccaticcio di sudore ovunque, ti appoggi al divano di ecopelle e rimani lì 14 giorni come se ci grondassi insieme l’attack ( per questo non si lavano le ascelle forse 🤔)
❄️la crema solare che ha l’odore più forte del trattore che sta spargendo liquame nel campo davanti a casa, ti devi lavare con l’acido muriatico per riuscire a toglierla e solo dopo 18 docce e 24 passate con la carta vetrata di spessore 128mm riesci
❄️la salsedine del mare che ti disidrata manco fossi in un forno per l’essiccazione degli snack alle mele -toh! Come sono bella saporita oggi ! –
❄️la sensazione di stare come una sardina in scatola per la quantità di gente che c’è in spiaggia, altroché la gocciolina dell’acqua Lete! La metro a Milano alle 7:30 del mattino!
❄️i granelli di sabbia che ti ritrovi OVUNQUE a vita-natural- durante .. toh, un granello del 98 della spiaggia di Gallipoli, va come si è conservato bene?! –
❄️ Api che se hai la maglietta gialla ti inseguono per tutto il giorno mostrandoti il loro pungiglione orgogliose come fanno i palestrati con i loro bicipiti
❄️ le zanzare zebrate malaria che ti pungono ovunque nonostante Off -punti e unti- e ti lasciano i ponfi 8×7 cm – che sei sei piatta puoi spacciarlo per un seno , finalmente 🎉- che sono più pruriginosi e fastidiosi della varicella solo sul sedere il giorno del tuo matrimonio .. per fortuna restano solo per 48 giorni !
❄️accendere il forno per cucinare qualcosa di buono?? Sport estremo.. poi hai le visioni delle oasi d’acqua come nel deserto, ma questo è facilmente aggirabile con la ricetta freschissima che vi lascio oggi, lime, gamberi , zucchine e menta #lactosefree come sempre!

INGREDIENTI:

250 g di pasta a vostro piacimento
200 g di gamberi
2 zucchine piccole
1 lime spremuto
menta e timo limonato
olio
sale & pepe

PROCEDIMENTO:

  • lessare la pasta in abbondante acqua salata , scolarla e passarla sotto l’acqua fredda per fermare la cottura
  • pulire bene i gamberi e togliere l’intestino
  • lessare i gamberi in abbondante acqua salata per qualche minuto e scolarli
  • Marinare i gamberi nella “citronette” fatta con il succo di un lime, olio , sale , pepe, menta e timo ben lavati
  • tagliare sottili le zucchine e rosolarle in padella con un filo di olio e sale fino a quando non risultano appena appena colorate
  • condire la pasta con i gamberi e la “citronette” , aggiungere le zucchine e mescolare bene.

 

 

ACQUE AROMATICHE (senza lattosio, senza latticini)

Le acque aromatiche fanno capolino ogni anno appena arriva il timido sole di Aprile, ma cosa sono? A cosa servono?

Sono semplicemente delle acqua a cui sono state messe a macerare per alcune ore frutta ed erbe aromatiche, ma si possono usare anche le verdure, come barbabietole e cetrioli per esempio. Dopo questa macerazione vitamine e sali minerali vengono rilasciati nell’acqua. Oltre a vitamine e sali minerali queste acque “detox” hanno il grandissimo vantaggio di stuzzicare maggiormente la sete, apportando un maggior quantitativo di acqua, indispensabile per diverse funzioni nell’organismo, tra cui:

  • regolare la temperatura corporea
  • facilitare l’assorbimento dei nutrienti, quindi la digestione
  • permettere la respirazione
  • partecipare alle reazioni cellulari
  • facilitare l’eliminazione delle tossine
  • combattere la ritenzione
  • favorire il senso di sazietà

Ovviamente non aspettatevi che allo scoccare della mezzanotte sparisca la cellulite o che la pelle torni bellissima come a 20 anni senza manco una ruga!

33748139-59F6-4C3F-A8BD-633F2589AAB9

 

Vi lascio le “ ricette “ delle 2 che ho fatto io:

1/4 di Limone+ 1/2 arancia + 1/2  mango : prendete gli agrumi non trattati, lavateli bene e tagliateli a fettine. Pulite il mango e mettete la frutta in un contenitore che si possa chiudere bene, versate l’acqua , chiudete e lasciate macerare alcune ore in frigo, levate la frutta che potete tranquillamente mangiare e avrete la vostra bevanda detox pronta. Si conserva tranquillamente in frigo 2 giorni ma le vitamine non si mantengono per molto, per cui è meglio consumarla il prima possibile .

LIMONE: ricco di vitamina C, brucia i grassi, è un valido antiossidante e rafforza le difese immunitarie
ARANCIA: ricca di vitamina C, è anch’essa un valido antiossidante e rafforza le difese immunitarie
MANGO: ricco di vitamina A, aiuta a contrastare la stitichezza e la ritenzione idrica

 

10 fragole più 10 foglioline di menta piperita: prendete le fragole, lavatele bene, levate il verde e mettetele nel contenitore, aggiungete le foglie di menta piperita ben lavata e lasciate macerare alcune ore in un contenitore chiuso. Eliminate frutta, che potete tranquillamente mangiare e le foglie e la vostra bevanda detox è pronta. Anche in questo caso è meglio berla il prima possibile.

MENTA PIPERITA: funzione carnitiva ( facilita l’eliminazione dei gas) , funzione aromatica , funzione depurativa e funzione antisettica
FRAGOLE: ricca di vitamina C ha proprietà rinfrescanti , diuretiche e depurative.

Se avete un problema serio come mio marito con le fibre potete filtrare l’acqua attraverso un colino a maglia stretta .

5664ABB4-388A-4C0E-801E-83F71CF9B3F9

 

 

CREMA DI MASCARPONE e LAMPONI

84634DA0-269A-4236-B8F9-04FC4C52C901

La semplicità dei sapori è quel qualcosa di aggiunto , quel piccolo dettaglio che fa la differenza. A sto giro il dolce l’ho fatto pieno di lattosio ( solo perchè prendevo la lattasi ovviamente) e l’ingrediente importante, colui che ne ha fatto da protagonista è senza dubbio il mascarpone, comprato fresco dal produttore che lo fa in modo artigianale e senza conservanti.  Ovviamente , voi intolleranti se non prendete la lattasi usate un mascarpone delattosato con residuo di  0,01% di lattosio per questa ricetta!

 

INGREDIENTI:

200 g di mascarpone ( senza la lattasi un mascarpone delattosato, mi raccomando!!)
2/3 cucchiai di zucchero a velo ( regolatevi voi con il vostro palato)
100 g di panna vegetale
un pizzico di polvere di vaniglia

per il topping:

100 g lamponi
2 cucchiai di zucchero a velo ( anche qui assaggiate e regolatevi a piacere)

Guarnizione :

Brownies  ( la ricetta è qui )
ribes a guarnire

PROCEDIMENTO:

  • Monto la panna vegetale ben ferma;
  • rendo a crema il mascarpone incorporando lo zucchero, aggiungo la vaniglia e la panna montata in modo delicato, sempre dal basso verso l’alto.
  • metto nei bicchierini e lascio riposare in frigo ;
  • su una padella antiaderente metto i lamponi ben lavati , 2 cucchiai di zucchero e 2 di acqua e li lascio cuocere fino a che non si spappolano;
  • passo il composto nel colino in modo da togliere tutti i semini e una volta raffreddato lo metto sopra al mascarpone;
  • prendo un brownies, lo sbriciolo sopra ad una placca da forno rivestita da carta forno e lo metto a tostare per 10 minuti a 180 gradi;
  • aggiungo la parte croccante sopra al topping e decoro con ribes e lamponi.
  • Se avete problemi con fibre e semini come mio marito omettete quest’ultima parte .

Volete sapere com’è andata con Lactojoy?! Benissimo!! Nessuna colica, nessun mal di testa, nessuna corsa nel nostro habitat preferito , né gonfiore né tanto meno intoppo.. direi pressoché perfetto! Se volete saperne di più cliccate sulla pagina facebook di Lactojoy Italia e se volete acquistarle basta un clic su Amazon

 

GNOCCHI DI BARBABIETOLA CON PATATE CROCCANTI (senza lattosio)

Questa ricetta l’ho inventata per la campagna #nonsibaratta, una campagna importantissima per noi donne. Una campagna contro il sessismo e i ricatti sessuali, dove la patata – il doppio senso è fatto di proposito – è la protagonista. Io ho aggiunto anche un tocco di rosa, simbolo della femminilità!

C82D7CCA-1D1F-4EB7-B4A7-6F705F845AC5

INGREDIENTI:

Per gli gnocchi:

800 g di patate

200 g di barbabietola prelessata

400 g di farina

1 uovo

sale

pepe

 

Per la salsa :

100 g di robiola senza lattosio ( 0,01% )

80 g di barbabietola prelessata

Sale & pepe

 

30 g di patate tagliate sottili

mezza cipolla

un cucchino di miele

burro 0,01% di lattosio

erba cipollina

 

PROCEDIMENTO:

  • lesso le patate , la passo nello schiaccia patate e le faccio raffreddare ;
  • rendo a crema la barbabietola lessata nel trita tutto ;
  • formo gli gnocchi con le patate fredde ed aggiungo l’uovo, la barbaietola, sape pepe e farina;
  • metto nel tritatutto la barbabietola per la salsina ed aggiungo la robiola ( se vi pare troppo densa allungatela con il latte di riso)
  • aggiusto di sapore la salsina regolandola con sale e pepe;
  • Metto le cipolle a caramellare in padella con un filo di olio e un cucchiaino di miele ;
  • levo le cipolle e ci metto una piccola noce di burro delattosato , aggiungo l’erba cipollina e gli gnocchi lessati in abbondante acqua salata;
  • Friggo in abbondante olio caldo i 30 g di patate tagliati alla julienne , le tampono con lo scottex e le metto sopra agli gnocchi una volta impiattati.