Archivi tag: Milano

IL MONDO DELLE INTOLLERANZE

Insugurazione mondo intolleranzeOggi vi parlo di Donne , quelle con la D maiuscola, quelle che con la testardaggine e la costanza hanno ottenuto così tanto da doverle solo che ammirare. Una è Maria Sole Facioni e l’altra è Tiziana Colombo. Una,  Maria Sole , che da zero e un sogno ha fondato Aili , la prima associazione che si occupa di noi intolleranti al lattosio e lo fa in toto , dalla ristorazione ai prodotti della grande distribuzione, dall’etichettatura alle analisi degli alimenti, dagli integratori allo sfatare miti e leggende e lo fa con VERE basi scientifiche. L’altra , Tiziana, che da zero e un sogno ha inaugurato oggi “ L’accademia delle intolleranze” , uno spazio interamente dedicato alla formazione degli chef e del personale, alla divulgazione di cosa sono veramente le intolleranze , di come gestirle e gestire un cliente e anche alla divulgazione delle nozioni base per noi “non addetti ai lavori” pensate anche solo le nonne, le zie , i parenti che non capiscono come un pezzo di pane possa far star male il nipote celiaco. Come un pomodoro, frutto base della cucina italiana,  possa dar fastidio seriamente a una persona allergica al nichel. All’amico che non capisce che noi intolleranti al lattosio stiamo male veramente, anche se non rischiamo la vita , che quando si hanno 10 scariche al giorno nemmeno a lavorare si riesce ad andare sereni , e non serve stare sul nostro amico trono, si sta piegati in 2 dai dolori anche senza di lui, e tutto perché tu non capisci che il burro , anche se per te è poco, a noi fa male davvero. 

Io, da semplice intollerante non posso che condividere la straordinarietà di chi fa , di chi si mette in gioco, di chi ci prende sul serio, di chi non ride del fatto che non possiamo mangiare questo-quello e quell’altro, di chi lo fa con il cuore. Di chi non ti propone come alternative le farfalline , davvero quelle piccole dei bambini, con la passata di pomodoro ,direttamente dal frigo,  sopra – non avete idea di quanti ristoranti me le hanno date!! – Forse sono di parte e questi eventi li vedo sacri, ma vi assicuro che per me , che ho passato l’infanzia e l’adolescenza piegata in 2 dai dolori, a svenire per quanto fossero forti le coliche,  è un lusso. Un vero lusso. Quando non esisteva, quando ti dicevano che se non mangiavi latticini non crescevi, quando toglievi la mozzarella dalla pizza ( non esisteva assolutamente la delattosata o vegetale) gli amichetti ti deridevano – già perché questa banalità te la ricorderai per la vita- quando anche gli addetti erano convinti che noi non contassimo niente, che non esisteva sta cosa, che era impossibile che il latte tanto elogiato potesse rovinare le giornate così alle persone, quando eravamo i famosi malati immaginari . Ecco, io che l’ho vissuta per molti anni non posso non ammirare chi ha dato voce ed esistenza a noi, chi finalmente nel 2011 ha lottato per far mettere l’obbligo in etichetta di tutti gli allergeni per tutelarci ( è forse un caso che da lì ho smesso di star male ??) , chi ha capito le nostre necessità, chi garantisce con studi e analisi i prodotti adatti a noi, gli enti che hanno un occhio di riguardo per noi , le figure mediche che si rapportano con noi in modo serio e scientifico evitando di dire vere e proprie fesserie o infinocchiarci per guadagnarci. 

Il mio grazie , più che sincero, da utente finale , e forse un po’ di parte,  va a loro! 

#grazie #intolleranzafottiti#Donne #strongwomen #womenspower

CADBB057-F080-4F84-B204-CF6834C26285

FA769A6E-33D8-469E-B9F6-4ED57741849F D859212F-A919-4625-9DC7-6925E228B029 C939F45B-522D-4557-8774-4C1F6D9AB72E 722B5D9F-ACC8-48CF-85C7-9DCB5321F5D9 3E3B9443-3425-4A5F-8D88-1EE5EA222AA2 411ECF63-A643-4B0F-865C-A022830DDD39 629F45A9-AF19-4CAE-95D1-33FFF266CDA6 31F04F91-6676-435E-8901-D2FCE89559C3 748C8F81-510C-4A71-A384-3D0D1A56DA53

IDENTITÀ GOLOSE 2018

 

7D2FC2DB-EC84-4521-ACAC-FDC6C6BA2586

“ La quattordicesima edizione del congresso Identità Golose Milano avrà come filo conduttore il tema del Fattore Umano. Con questo è nostra intenzione mettere al centro delle tre giornate le relazioni umane, l’uomo-chef e tutti coloro che lo circondano sul lavoro, dalla cucina alla sala, al rapporto coi clienti e prima ancora artigiani e fornitori. È il momento, pur non rinunciando all’emozione per quello che c’è nel piatto, di spostare l’attenzione sul convivio, su quanto avviene attorno alla tavola, punto d’incontro di mondi . “
Questa era la premessa, egregiamente mantenuta, inutile dirvi che è stata una grandissima emozione incontrare i propri miti dal vivo è qualcosa di unico, li guardi con estrema ammirazione, li ascolti totalmente incantata ed affascinata dalle loro parole, dai loro racconti, dal loro vissuto.
Li incontri al di fuori delle sale tranquilli ,sorridenti e rilassati come se fosse normale routine concretizzare un’opera d’arte in un piatto.
Essendomi persa il primo tema che mi ero prefissata con la grandissima Antonia Klugmann , mi sono data alla seconda tappa, Carlo Cracco, lo ammetto non era tra i miei preferiti ma si è riscattato. Il tema “ identità di pasta” l’ha dedicato al maestro Gualtiero Marchesi con un simpatico aneddoto dove , il suo maestro gli faceva cucinare ben cinque maccheroni a persona, impiattandone solo tre , seppur perfetti nella forma e nel sapore , non riscontrava la gioia dei commensali per il quantitativo. Ma sì sa, i grandi geni sono intoccabili.
La terza tappa è stata caratterizzata dal “ fattore umano” in una sala gremita di persone per la presenza straordinaria di Davide Oldani, un vero e proprio mito. Un piatto ricercato, dove le qualità olfattive arrivano ad inebriarti completamente ancor prima di vedere il piatto.
In pausa congresso ho rivisto una mia compagna di percorso, una food blogger come me di Aili, diecimila volte più brava e spigliata di me, Nonna Paperina. Mi ha presentato altre blogger , tra cui una giornalista, Babette, che super mega gentilmente mi ha concesso di entrare con lei ad intervistare la Klugmann, una donna gentilissima e disponibile che con il sorriso ha risposto anche sull’ esperienza a MasterChef !
Continua la giornata con una degustazione di oli dell’azienda Olitalia e  tre chef che hanno saputo far risaltare al meglio le qualità organolettiche di questi oli delicati. Il primo piatto l’ho dovuto saltare per un’allergia ma il secondo e il terzo sono stati un vero e proprio tripudio di sapori e profumi.

Vi lascio qualche foto che non spiegano le emozioni ma illustrano al meglio la sdraordinarietà del congresso!

IMG_8750

 

IMG_8756

IMG_8762

67F5179D-5DAE-45C2-AC68-8D3C732E131A 8D61B636-D1D4-4505-B59F-26C3A70B2DAC AB16AB76-7C6B-4897-AC82-1B15D4137507

IMG_8760 IMG_8761 IMG_8778

IMG_8779 IMG_8782 IMG_8781