Archivi tag: lactose free

PLUMCAKE DI MASSARI ( senza lattosio, senza latticini)

Plumcake senza lattosio di Massari

Questa ricetta l’ho fatta , rifatta e strafatta così tante volte che ormai la so a memoria, è una ricetta che Iginio Massari aveva lasciato una volta nel suo gruppo e felicissima per l’assenza di lattosio mi ero segnata subito sui miei amati post it!

 

INGREDIENTI:

300 g di farina 00

300 g di zucchero

300 g di uova ( circa 4 intere , specifico SENZA GUSCIO 😅)

210 g di olio

100 g di succo d’arancia o di frutta

30 g di zeste d’arancia

10 g di lievito chimico in polvere

un pizzico di sale

PROCEDIMENTO:

  • Montate le uova con lo zucchero a circa 40 gradi , ma potete farlo tranquillamente con le uova a temperatura ambiente, fino a sbiancarle
  • aggiungete il succo e la buccia dell’arancia grattata
  • aggiungete l’olio a filo senza spegnere le fruste
  • setacciate la farina e il lievito almeno 2 volte ( questo permette una lievitazione più uniforme)
  • aggiungete la farina e il pizzico di sale a velocità bassa e per poco tempo, meglio ancora se lo fate a mano in modo delicato
  • versate nello stampo
  • Infonate a 180 gradi per 35/40 minuti circa, fa sempre fede la prova stecchino – deve essere asciutto-

CROSTATA ALLE FRAGOLE ( senza lattosio)

Oggi vi lascio un dolcetto da fare per San Valentino , di una semplicitá disarmante e soprattutto senza cuoricini pussi pussi love amore ciccino patatino!

Perdonatemi ma la filosofia #zerosbatti ultimamente regna sovrana!

Crostata alle fragole senza lattosio

 

INGREDIENTI :

per la frolla

250 g di farina 00
125 g di burro senza lattosio (0,01%) a temperatura ambiente
125 g di zucchero
3 tuorli
zeste di limone

per la farcia:

250 g di mascarpone senza lattosio ( 0,01% di lattosio)
Un cucchiaio di rum
3 cucchiai di zucchero ( ma regolate la dolcezza a vostro piacimento)
polvere di vaniglia Bourbon

decorazione:
fragole
foglioline di menta

 

PROCEDIMENTO:

  • prepariamo la frolla impastando tutti gli ingredienti insieme e lavorandola il meno possibile per far in modo che esca friabile e non elastica
  • cuociamo la frolla in forno a 180 gradi per circa 20 minuti , guardate che sia leggermente dorata prima di sfornarla
  • mentre la frolla raffredda prepariamo la farcia rendendo a crema il mascarpone con lo zucchero, aggiungiamo la vaniglia e il rum a piacere
  • mettiamo la crema nella sac a poche e la mettiamo nel guscio di frolla fredda
  • laviamo bene le fragole , togliamo il verde e le tagliamo a spicchi
  • le adagiamo sul mascarpone e decoriamo con qualche fogliolina di menta miracolosamente sopravvissuta all’inverno e al mio pollice verde!

 

 

 

CIOCCOLATINI AL CREMINO ( senza lattosio, senza latticini)

Era un buon mesetto che ce l’avevo in testa, ma la fine del nono mese è stato all’insegna del “ spetta n’attimo che ha la testa sul diaframma e non respiro “ , così ho rimandato tutto al post parto segnandomi le idee che avevo man mano per la testa .

Oggi per il Nutella World day – che per noi intolleranti è diventato NoccioliAmo day – ho pensato di fare questi cioccolatini con il cuore al gusto di “cremino” e il guscio di cioccolato fondente.

 

NoccioliAmo, world Nutella Day, senza lattosio, cioccolatini, cremino,

INGREDIENTI:

100 g di cioccolato fondente ( senza lattosio )
40 grammi di spalmabile alla mandorla ( senza lattosio )
40 grammi di spalmabile alla nocciola ( senza lattosio )
15 mandorle circa

 

PROCEDIMENTO:

  • sciogliere 80 g di cioccolato fondente al microonde o a bagnomaria, come siete più comodi
  • temperare il cioccolato per farlo rimanere lucido ( scioglierlo fino a 54 gradi, versarne una parte sul piano fino ad arrivare a 28 gradi e unirlo al rimanente in modo che ci sia una temperatura totale di 32 gradi )
  • Mettere il cioccolato fondente sulle pareti dello stampo e fare raffreddare in freezer 10 minuti
  • fare un secondo passaggio e rimettere in freezer
  • farcire una metà con la spalmabile alla mandorla, adagiare una mandorla e riempire l’altra metà con quella alla nocciola
  • rimettere in freezer mezz’oretta
  • sciogliere i restanti 20 grammi di fondente e metterlo nella sac a poche
  • tagliare la punta della sacca piccola in modo da usarla come penna per fare il perimetro con il cioccolato e chiudere le due metà
  • levare gli eccessi di cioccolato ed avvolgerli nella stagnola
  • confezionare a piacimento

ROSE DI SFOGLIA con PAOLINA ED AMARISSIMA ( senza lattosio, senza latticini)

Rose di sfoglia senza lattosio

Golosità allo stato puro, il croccante della sfoglia unita alla cremosità di due spalmabili pressochè eccellenti, due gusti unici che insieme la rendono davvero golosa ed accattivante!

INGREDIENTI:

un rotolo di sfoglia senza lattosio ( io uso Stuffer)
zucchero a velo
40 g di amarissima ( crema di cioccolato fondente)
40 g di paolina ( crema di arachidi)

PROCEDIMENTO:

  • stendere la sfoglia a tagliarla in 3/4 strisce belle spesse
  • unire l’Amarissima con la Paolina
  • stendere il mix nella parte centrale della striscia di sfoglia
  • chiudere bene i bordi e la parte alta
  • tagliare a metà le strisce farcite
  • arrotolare partendo dalla parte centrale lasciando così per ultima la parte ben sigillata in modo che non uscirà la farcia
  • infornare a 180 gradi fino alla doratura della sfoglia
  • una volta fredde spolverare con lo zucchero a velo

 

 

CARAMELLE ALLE OLIVE ( senza lattosio, senza latticini)

11729D28-9BD4-433F-AB80-49FD05DDE50F

 

All’ultimo workshop mi sono illuminata – ero anche un po’ sbragata sul divano, lo ammetto- con una “ricetta” di taste of style, di una semplicità immonda fatta solo con olive, avvolte a caramella nella sfoglia ed una spennellata di uovo sbattuto in superficie.

INGREDIENTI:

circa 30 olive denocciolate e sgocciolate
un rotolo di sfoglia senza lattosio ( io uso Stuffer)
un uovo

PROCEDIMENTO:

  • stendere la sfoglia e tagliarla a rettangoli piccoli
  • avvolgerla a caramella intorno all’oliva
  • spennellarle con l’uovo sbattuto e se vi piace magari semi di sesamo, o di papavero
  • infonare a 180 gradi fino a doratura , circa 10-15 minuti.

Caramelle alle olive senza lattosio

RAVIOLONI ROBIOLA E SALMONE ( senza lattosio)

Ravioloni salmone e robiola senza lattosio

Una delle poche cose che risultano davvero ancora difficili da trovare sono questo genere di paste all’uovo: ravioli, raviolini, raviolotti, ravioloni, tortellini, agnolotti, cappelletti ecc . E allora perchè non farceli in casa con il ripieno che più ci  piace?!

INGREDIENTI:

per il ripieno:

100 g di robiola senza lattosio 0,01%
200 g di salmone fresco
sale
alloro
erba cipollina

per la pasta :

5 uova intere
500 g di farina 00 + semola per stenderla

per il condimento:

burro senza lattosio 0,01%
erbe aromatiche a scelta , io ho messo timo, rosmarino e pepe

PROCEDIMENTO:

  • mettere nel tritatutto il salmone e le erbe , aggiungere il sale e la robiola
  • una volta diventata crema mettere il composto nella sach a poche
  • preparare la pasta e una volta fatto il panetto tirarlo con la nonna papera usando la semola per asciugarla leggermente
  • una volta tirata la sfoglia tagliarla a cerchi, farcirgla con la crema di salmone e chiuderla. Se avete lo stampo usate quello oppure bagnate leggermente il bordo con l’uovo sbattuto.
  • lasciateli asciugare un’oretta circa e lessateli in abbondante acqua salata per 3/4 minuti
  • scolateli e passateli in padella con burro ed erbe aromatiche a piacere.

 

RISOTTO AL TARTUFO CON GOCCE DI ZUCCA

Il profumo del tartufo è qualcosa di unico e il gusto che lascia nel piatto lo rende qualcosa di prezioso – non solo per il prezzo-  ed inimitabile.

Risotto al tartufo senza lattosio senza glutine

INGREDIENTI per 2 persone

140 g di riso carnaroli
Uno scalogno
una noce di burro senza lattosio ( io uso lo 0,01% di lattosio)
tartufo
olio
vino bianco
500 ml di brodo vegetale ( io lo faccio con solo carota, cipolla e zucchina)
zucca
sale & pepe

PROCEDIMENTO:

  • rosolate lo scalogno con l’olio
  • aggiungete il riso e tostatelo bene
  • sfumate con il vino bianco
  • Mettete il sale e il pepe e proseguite fino a metà cottura aggiungendo il brodo vegetale
  • aggiungete poco tartufo grattuggiato
  • continuate la cottura aggiungendo poco per volta il brodo vegetale
  • spegnete, aggiungete una noce di burro e mantecate bene
  • impiattate il riso e metteti il tartufo sopra a scaglie con una lieve grattata di pepe
  • se vi piace potete aggiungere qualche goccia di crema di zucca fatta semplicemente passando nel frullatore ad immersione la zucca prelessata e condita con sale, olio e rosmarino

VELLUTATA DI ZUCCA AL ROSMARINO E CECI ( senza lattosio, senza latticini, senza glutine)

Vellutata di zucca al rosmarino con ceci e pancetta

Un piatto ricco, calorico e perfetto per questa stagione fredda. La crema di zucca con i ceci rolosati e la pancetta croccante sono il giusto mix tra goloso e nutriente, soprattutto se abbinati ad una bella dose di verdure fresche.

INGREDIENTI per 2 persone

1/4 circa di zucca
160 g di ceci ( ho usato quelli secchi Selex)
40 g di pancetta senza lattosio
2 cipollotti
rosmarino
sale
pepe
peperoncino
olio

PROCEDIMENTO:

  • mettere in ammollo almeno 12 ore i ceci secchi
  • scolarli e sciacquarli bene
  • in un tegame mettere un cipollotto ad appassire, aggiungere i ceci, il pepe , il peperoncino, il rosmarino e coprire con l’acqua calda
  • far cuocere per circa un’oretta e verso fine cottura salare ( questo permette ai ceci di restare morbidi e non buttare fuori l’acqua)
  • levare la buccia alla zucca e tagliarla a dadini
  • lessarla in abbondante acqua per circa 20 minuti
  • in un tegame a parte rosolare il cipollotto con poco olio, aggiungere la zucca, il sale e il rosmarino ed una volta uniformato il tutto rendere a crema con il frullatore ad immersione
  • rosolare la pancetta  senza olio a parte ed aggiungere i ceci per pochi istanti
  • servire mettendo la vellutata di zucca sul fondo, poi i ceci e la pancetta ed un filo d’olio a crudo.

 

UOVA AL SUGO (senza lattosio, senza latticini, senza glutine)


Uova al sugo senza lattosio, senza latticini, senza glutine

A Natale si è tutti più buoni , lo sanno tutti … 

NO! A Natale le rogne criticone sul web sono ancora più infoiate, hanno proprio l’acido muriatico che gli scorre nelle vene misto al verde Grinch che fa tanto trendy.

Qualsiasi cosa fai è sbagliata, pure se la fai come dicono loro, è quel mix di scassacaxxxxxite, acccccidìa e incompetenza pressoché letale. Arrivano armati di google e ti tirano scema – è il loro pensiero da donarti per Natale, non si rifiuta un regalo che non piace, lo si fa sparire appena l’altro non ci vede!! Quindi lo accogli con gioia e amore- 

Vai al bar , chiedi una tazza di tè ed una brioche vegana  – che a regola è senza lattosio- e ti guardano come se stessi ordinando la morte del bacello di soia che poverina è affetta dal complottismo cosmico. Se la ordini normale , magari alla Nutella sei un’assassina di mammelle di mucca e di olio di palma. E guai a te se fai il gravissimo errore di ordinare una colazione mista con un cappuccino normale ed una brioche vegana, sicuro hai una faina di fianco che ti ascolta e scrive sulle pagine social che sei una cretina che non si cura, che non ha amor proprio, che non conosce l’alimentazione e nemmeno la sua intolleranza … la vergogna pura alla stregua di un assassino di cocciniglie. 

  • E se il cappuccino fosse per mio marito che è un normalissimo ciuccia lattosio?! Assolutamente no, non è contemplato nelle loro menti- 
  • E se semplicemente mi piacesse il gusto cartone bagnato con acqua piovana e la sua pluricartonstratificazione della brioche vegana?! Assolutamente no, devi essere leale alla mammella della bovina o al legume. Punto. Le sfumature non esistono. 

Dopo di che si accaniscono sui post pubblici o meno della rete, se metti una ricetta con l’aglio sei una pazza che rendi gli aliti pestilenti a chiunque e a Natale, non si fa, sei pazza, puzzare di sudore dopo la caccia alla renna e ai pandori lactose free va bene. Mangiare kg di asparagi che ti fanno urinare con “eau de mort”  va bene. Tanto te lo inali tu il profumo. Oppure la crema di mascarpone con le uova che lasciano nella mentina , e on air -on air sono le peggio- quella bella fragranza solfurea va bene. Impestilenziare i bagni pubblici o privati va bene. Ma l’aglio seppure stemperato e alleggerito apposta no. Ma proprio anche no – ma ci limoni con i tuoi parenti mi viene da chiedere?! Io sento già il turbamento quando si avvicinano per i 2 bacini sulla guancia, ma sul webbbe tutto è consentito. Anche mettere 3 , giuro,  TRE b a parola. 

🍪Fai la frolla della crostata con un burro delattosato. Pazza ma non sei intollerante?! Come fai a tollerare lo 0,01% di lattosio!? Povera bovina con le mammelle strizzate per fare il burro a te e l’aggiunta chimica della lattasi che è un processo NON naturale, sei pazza

– non magno un kg al giorno di crostata per esempio??-

🍪Fai la frolla con lo strutto. Sei pazza ti va il colesterolo alle stelle, troppo grasso , unto e poveri animali li ammazzi per una crostata?!

🍪Fai la frolla all’olio. Sei pazza che spreco e che pesante! Sai che le tirano sù negli allevamenti intensivi come le galline ste povere olive?! E il nocciolo che butti è una nuova vita che AMMAZZI!

🍪Fai la frolla con la margarina. Hai letto vero se è 100% vegetale?! 

Sì. È 100% vegetale.

E allora fa male lo stesso come il grasso animale, ha tanti grassi trans che causano la morte per apoptosi delle cellule renali. Si sa! 

🍪 E allora fai uno schifo alimentare e fai la frolla lievitata sostituendo il grasso del burro con la panna 100% vegetale. Sei pazza?! Il lievito mi fermenta nello stomaco. 

Levi il lievito e fa uno schifo immondo . 

A quel punto lasci perdere la frolla e ti dai ai prodotti lactose free , sono pronti avranno mica da rompere anche su quelli?!!

Ti sbagli . Ti sbagli alla stragrande. Eccome se hanno da rompere anche su quello. 

Ti mandano una spalmabile pressoché eccezionale – seguendo le normative dell’antitrust per la pubblicizzazione del prodotto –  e tu tutta felice e contenta di aver trovato il tuo gusto, la qualità e il lactose free addirittura certificato la pubblichi , sei proprio contenta e ti piace un sacco. Niente . Arrivano le faine che ti fanno notare che ti stai vendendo per 5 euro di barattolo “ scrivi che è buona perchè DEVI e ti pagano”

– non mi pagano e mi piace quel prodotto non è contemplato- sei proprio uno schifo indegno, illegale e immorale a fare sta cosa, vergognati, era meglio se ti davi alla caccia e alla spremitura delle ghiandole anali del castoro.

Smetti sia di pubblicare i post sul blog sia di condividerli su fb,  a quel punto ti scrive Mark una bella notifichina blu  – Mark è il sciur Facebook – dicendoti che i tuoi follower è da un po’ che non hanno notizie di te …

          🤦🏼‍♀️ 🤦🏼‍♀️🤦🏼‍♀️

Ps: l’Amarissima di @Oggi mi piace così tanto che ho chiesto a mio marito se me la regala per Natale, quel furbone l’ha ordinata ( e PAGATA sottolineo per voi faine!!!) tramite la mia mail che tra l’altro ho letto 😅😅😅😅

Pss: oggi vi lascio una ricetta grassa e piena di colesterolo, di una facilità ed una banalità che anche Oreo è in grado di fare! 

 🍳Uova al sugo al forno

#colesteroloSì #lactosefree

Questa fa senza dubbio parte delle ricette #zerosbatti , quelle che con la minima fatica ci permettono di avere un risultato comunque goloso.

INGREDIENTI ( 2 persone) :

4 uova
1 peperone piccolo
8 cucchiai di passata di pomodoro
sale & pepe
olio
erba cipollina

PROCEDIMENTO:

  • in una ciotolina a parte condire a crudo la passata con pochissimo olio, il sale e il pepe
  • lavare, togliere i semi, la parte bianca del peperone, tagliarlo sottile e condirlo con poco sale
  • mettere in 4 cocotte piccole la passata, qualche fettina di peperone , un uovo e condire con sale, pepe ed erba cipollina ( se avete una cocotte grande dove ci stanno tutte vanno bene anche tutte e 4 le uova insieme!)
  • chiudere le cocotte con il loro coperchietto ed infornare a 180 gradi per 15 minuti circa
  • levare il coperchio e lasciar cuocere ancora un paio di minuti
  • servire con il pane per fare una golosa scarpetta!

 

 

 

CUPCAKE (senza lattosio)

Cupcake senza lattosio, dolciaria freddi

Elaborare una merendina non è mai facile, si rischia di cadere nei classici slaciugoni americani che continuano a passare in rete, con un po’ di astuzia e creatività invece si riesce ad avere un dolce rinfrescante e “leggero” al palato.

Sono partita dai miei biscuffin, arricchiti nell’impasto con la panna vegetale al posto dell’olio e ho fatto la crema con il prodotto tipico e più famoso del lodigiano, il mascarpone , ovviamente quello con solo lo 0,01% di lattosio residuo!

INGREDIENTI:

per la base
100 g di farina
100 g di zucchero
100 g di panna 100% vegetale
2 uova medie
4 g di lievito per dolci
un cucchiaino raso di polvere di vaniglia Bourbon

 

per la crema:

2 merendine di Freddi Dolcetto alla ciliegia
250 g di mascarpone senza lattosio
1 cucchiaio di zucchero a velo ( regolate voi a vostro gusto personale)
1 goccia di colorante alimentare rosso ( giusto perchè sono pignola e mi piaceva riprodurre più o meno gli stessi colori della confezione 😅)
2 cucchiai di latte di riso

 

PROCEDIMENTO:

  • montare bene le uova con lo zucchero fino a quando non si saranno quasi sbiancate
  • aggiungere la farina e il lievito ben setacciati, meglio passati 2/3 volte in modo che il dolce non gonfi troppo in superficie
  • aggiungere la panna vegetale e la vaniglia
  • riempire i pirottini per 2/3 dell’altezza e cuocere in forno preriscaldato a 180 gradi per 15 minuti circa ( ogni forno è a se per cui fate sempre la prova con lo stuzzicadenti che deve uscire asciutto quando sono pronti)
  • preparare la crema rendendo a pomata le merendine nel tritatutto, se vedete che resta troppo asciutto aggiungete 2 cucchiai di latte di riso
  • a parte rendete a crema il mascarpone senza lattosio con un cucchiaio di zucchero a velo e una goccia di colorante
  • unite le merendine  tritate alla crema di mascarpone fino a quando non saranno ben amalgamate e rimpitene la sac a poche
  • decorate i vostri cupcake a piacere!