Archivi tag: GLUTEN FREE

POLVERE DI ARANCIA (senza lattosio, senza latticini)

 

Polvere d’arancia
L’arancia, come gli altri agrumi , sono i migliori frutti sotto il punto di vista dell’apporto della vitamina C, pensate che ogni 100 grammi di succo ne contengono 50-100 mg, calcolate che la dose raccomandata per un adulto è di 75 mg al giorno.

Proprietà:

  • rimineralizzante , aiuta a fissare i minerali
  • rinforzante delle difese naturali
  • disintossicante
  • rinfrescante
  •  digestivo
  • diuretico

Si può usare come:

  • Succo
  • Il frutto tale e quale , ricordatevi che la parte bianca non va tolta in quanto permette un maggior assorbimento da parte del nostro organismo delle vitamine
  • Gelatine o caramelle
  • La scorza, ricca di oli essenziali, si può caramellare, si può usare insieme ad altri ingredienti in infusione e la si può polverizzare come ho fatto io in questo caso.
  • Con la polpa si possono fare anche delle maschere per il viso.

 

INGREDIENTI:

4/5 arance biologiche non trattate -fondamentale- Io ho usato quelle che mi ha mandato BIOEXPRESS

PROCEDIMENTO:

  • lavate bene la frutta e asciugatela
  • con l’ausilio di una grattugia  levate piano piano tutta la parte arancione evitando il più possibile il bianco che rilascia l’amarognolo in bocca
  • grattatela sopra ad un foglio di carta forno
  • distribuite bene le zeste appena fatte sul foglio
  • infornate a 60 gradi per circa 40 minuti circa, controllate ogni tanto, quando le vedete secche spegnetele. Il tempo dipende dalla trama della grattugia, più è grossa e più tempo ci impiega.

Se non avete lo strumento vi lascio il link per poterle fare usando semplicemente il coltello per sbucciarle: POLVERE DI AGRUMI

Come si usa questa polvere? Nei dolci , sul pesce oppure in aggiunta alle citronette , si può aggiungere anche alle basi di varie marinature o usare insieme alle panature , magari di un bel gambero con la crosta di cereali, pangrattato e arancia!

MILLEFOGLIE BARBABIETOLE E MOZZARELLA

Si sa, durante le feste si è sempre di corsa, tra preparare il ragù, l’arrosto , il dolce e tutto il resto il tempo per fare altro è difficile da trovare così vi lascio un’idea velocissima, soprattutto per chi ama il sapore intenso della barbabietola .

Millefoglie di barbabietola

INGREDIENTI:

2 mozzarelle senza lattosio

Una barbabietola precotta

Olio

Sale&pepe

Menta

PROCEDIMENTO:

  • Tagliare con la mandolina la barbabietola a fettine ( ocio alle dita che rosso per rosso non si nota nemmeno !)
  • Tagliare la mozzarella
  • Condire entrambe con olio, sale, pepe e menta
  • Servire alternando le fettine.

NACHOS ( senza lattosio, senza latticini)

Per questo capodanno vi propongo una ricetta da “spizzicare” in attesa del cenone , in quei momenti in cui si accolgono gli ospiti ma è ancora troppo presto per cenare.

INGREDIENTI:

150 g + 40 g di farina gialla ( io ho usato quella per polenta integrale)
150/200 g di acqua ( dipende dalla trama della farina)
Sale qb
Spezie ed erbe aromatiche a piacere ( io ho messo rosmarino e paprika)

PROCEDIMENTO

  • Salare appena appena la farina
  • Aggiungere poco per volta l’acqua alla farina fino a quando non diventa della consistenza del pongo
  • Lasciar riposare mezz’oretta
  • Tagliare fine le erbe aromatiche
  • Mettere in una ciotolina i 40 g di farina, la paprika e il rosmarino
  • Stendere tra due fogli di carta forno l’impasto
  • Quando è quasi ben livellato cospargere con la farina entrambi i lati e arrivare ad uno spessore di 2/3 mm sempre usando la carta forno
  • Tagliare con un coppa pasta abbastanza grande e poi tagliare a fette
  • Friggere in padella con poco olio per qualche istante fino a quando non diventano croccanti
  • Tamponare l’eccesso con lo scottex e servire magari con la salsa messicana!

VELLUTATA DI CECI E CASTAGNE (senza lattosio, senza latticini)

Vellutata di ceci e castagne senza lattosio

INGREDIENTI:

200 g di ceci precotti
15 castagne secche
1scalogno
un rametto di rosmarino
sale & pepe
peperoncino
olio

PROCEDIMENTO:

  • Metto ad ammollare le castagne qualche ora in acqua
  • con un filo di olio rosolo lo scalogno e il peperoncino in modo che sprigioni bene il suo aroma, aggiungo i ceci, il sale e il rosmarino e ricopro di acqua calda
  • aggiungo le castagne e faccio cuocere tutto a fiamma lenta per 20/25 minuti
  • tengo da parte qualche castagna e pochi ceci per la decorazione e frullo tutto con un frullatore a immersione fino a quando non diventa una bella crema vellutata ( se vi sembra troppo densa aggiungete dell’acqua)
  • rimetto sul fuoco basso basso per 5 minuti
  • servo in una cocotte con un filo di olio a crudo e qualche ago di rosmarino fresco
  • decoro a piacere

MERINGHE (senza lattosio, senza latticini)

meringhe senza

 

Capita spesso di avanzare molti albumi e non sapere cosa farne, la soluzione migliore restano sempre le meringhe perché si conservano a lungo e sono molto versatili, io le faccio piccole, a goccia, in modo da poterle usare anche in altri dolci, per dare il croccante e anche una nota estetica che non gusta mai, sulle mousse, sui gelati, sui semifreddi o da gustare insieme ad una cioccolata o un semplice caffè.

Gli ingredienti sono sempre i soliti, si pesano gli albumi e si fanno in uguale parte lo zucchero semolato e lo zucchero a velo. Se per esempio avete circa 4 albumi quindi sui 120 g , si mettono 120 grammi di zucchero semolato e altri 120 g di zucchero a velo. Se le lasciate bianche aggiungete qualche goccia di limone a fine montaggio in modo che restano lucide e non assumono quel brutto giallino che sembrano un po’ “stantite”.

Gli albumi vanno montati a neve ben ferma, a velocità alta e aggiungendo lo zucchero semolato in tre step . In ultimo va aggiunto lo zucchero a velo e una volta incorporato si può mettere il colorante o l’aroma. Se mettete la frutta fresca asciugatela bene bene bene ma molto bene con lo scottex e non eccedete. Se invece usate prodotti “secchi” come le nocciole e le gocce di cioccolato mettetele tali e quali.

Mettete il tutto nella sac a poche e date la forma che più preferite, ovviamente le meringhe con frutta secca grossa e cioccolato vanno messe a cucchiaiate altrimenti non ci passano dal beccuccio.

E’ il momento di cuocerle, la parte più difficile è questa, molte pasticcerie le mettono a cuocere la notte nei forni spenti dopo averli tenuti accesi tutto il giorno e se le trovano al mattino perfette. Noi a casa ovviamente non abbiamo questa possibilità quindi ci armiamo di alcuni piccoli trucchetti. Prima di tutto se prevedono umidità al 97% con le tartarughe delle Seychelles che vi salutano evitate proprio di farle, sono dolci che devono stare belli asciutti.

Preriscaldiamo il forno e le facciamo cuocere a temperatura bassa, ad una temperatura che va dai 60 ai 90 gradi per circa un’ora e mezza o due. Spegnete il forno e abbandonatele lì, andate dalla parrucchiera, a farmi la ceretta o in piscina, non spostatele e non toccatele per almeno altre 2/3/4 ore, saranno pronte quando si staccheranno da sole dalla carta forno e il forno sarà bello freddo ormai.

Una volta pronte le meringhe bisogna assolutamente conservarle in luogo fresco a asciutto, dentro un barattolo di vetro o un contenitore di latta. Essendo così zuccherine si conservano bene e a lungo senza essere attaccata da batteri e funghi vari, anche circa un mesetto  a patto che non ci siano all’interno sostanze che deperiscono prima.

 

SALMONE AL LIME CON RIBES (senza lattosio, senza latticini)

Ieri dopo una bella pioggia è scappato Oreo, il gatto che ho chiamato come i famosissimi biscotti senza lattosio – pensavate fosse latte quello in mezzo, eh? –

Nonostante mio marito sia vicentino magnagatti è affezionatissimo e non vuole assolutamente che sia in pericolo, così dopo svariate ore in cui lui non è riuscito a riportarlo in casa – era lontanissimo… nel campo davanti casa! – sono andata a prenderlo.

Io. Furba. Nel campo zuppo e con la melga alta.
In infradito da spiaggia, pantaloncini , maglietta e pettinata a frullatore dalle leggerissima umidità della bassa pianura padana -solo 85% segnava ieri mattina. A 93 arrivano direttamente le tartarughe dalle Seychelles a farti da corriere al posto di Bartolini-

Dopo aver individuato il cornutazzo che rispondeva miagolando a ogni mia parola: paaaataaatiiinooo- miao- vieni- miao – dalla- miao -padrona- miao- che -miao- ti- miao- faccio-miao- le-miao-chiappette-miao-a-miao-strisce- cornutazzo- meoooow- che -miao- non – miao- sei- miao- altro.
Niente. entro nel campo infangato. In infradito elo prendo.

E’ finita con 2 graffi sulla panza che la cicatrice del cesareo pare un neo, gambe e braccia leggermente arrossate dall’attraversamento nella giungla, coliformi sparsi ovunque e la maglietta con vari buchi e squarci.

.
.
.

Poi ho lavato il gatto.

Visto che sono ancora viva vi propongo questa ricetta fatta per AILI Associazione Italiana Latto Intolleranti

Questa ricetta è la semplicità allo stato puro, è un antipasto  che apprezzeranno davvero tutti.

INGREDIENTI per due persone:

100 g di salmone affumicato
Una decina di pomodori gialli
Ribes
Insalata
Lime o limone se preferite
Olio
Sale
Pepe

PROCEDIMENTO:

  • Preparate una “citronette” con metà lime, l’olio, il sale e il pepe
    lavate bene i ribes e i pomodori e tagliate questi ultimi a fettine
    Lavate bene l’insalata
    Condite l’insalata, i ribes e i pomodori con olio e sale
    Adagiateli insieme al salmone e versateci la “citronette” sopra

BURRO D’ARACHIDI (senza lattosio, senza latticini, vegano)

burro di arachidi

La leggenda narra che le ricette #zerosbatti siano quelle che danno tantissimo senza fare assolutamente niente. Per fare il “burro” di arachidi infatti bastano davvero pochi ingredienti: la frutta secca, pochissimo olio e un tritatutto.
Ps : grazie Silvia

INGREDIENTI:

250 grammi tra arachidi e anacardi
30 ml di olio di arachidi
un pizzico di zucchero

 

PROCEDIMENTO:

mettere gli ingredienti nel tritatutto e tritare fino a quando non rilascia la parte oleosa e diventa omogenea e cremosa, facendo ovviamente delle pause per evitare di fondere il tritatutto.

ZUCCHINE AL LIMONE ( senza lattosio, senza latticini, senza glutine)

Basta accendere i fornelli.
Zucchine crude al limone.
Ricetta difficilissima.
Chef Locatelli LEVATI.

INGREDIENTI:

Zucchine
Olio extravergine d’oliva
Sale
Pepe
Limone
La spezia che più vi gusta

PREPARAZIONE:

  • Raccogliere dall’orto le zucchine, avendo cura di NON pungervi . Sempre che non vi piaccia l’effetto cactus sulle mani tutto il giorno. Oppure compratele con la ceretta fatta dal fruttivendolo.
  • Lavatele bene e mettetele in acqua e bicarbonato una quindicina di minuti circa .
  • Grazie a quel meraviglioso aggeggio chiamato pelapatate tagliatele a striscioline e mettetele in una ciotola.
  • A parte preparate una citronette con il succo di limone, il sale, il pepe, l’olio e l’erba che più preferite.
  • Se volete dare maggiore freschezza la menta è perfetta.
  • Condite le zucchine con la citronette.

CIOCCOLATINI AL CREMINO (senza lattosio, senza latticini)

Era un buon mesetto che ce l’avevo in testa, ma la fine del nono mese è stato all’insegna del “ spetta n’attimo che ha la testa sul diaframma e non respiro “ , così ho rimandato tutto al post parto segnandomi le idee che avevo man mano per la testa .

Oggi per il Nutella World day – che per noi intolleranti è diventato NoccioliAmo day – ho pensato di fare questi cioccolatini con il cuore al gusto di “cremino” e il guscio di cioccolato fondente.

 

NoccioliAmo, world Nutella Day, senza lattosio, cioccolatini, cremino,

INGREDIENTI:

100 g di cioccolato fondente ( senza lattosio )
40 grammi di spalmabile alla mandorla ( senza lattosio )
40 grammi di spalmabile alla nocciola ( senza lattosio )
15 mandorle circa

 

PROCEDIMENTO:

  • sciogliere 80 g di cioccolato fondente al microonde o a bagnomaria, come siete più comodi
  • temperare il cioccolato per farlo rimanere lucido ( scioglierlo fino a 54 gradi, versarne una parte sul piano fino ad arrivare a 28 gradi e unirlo al rimanente in modo che ci sia una temperatura totale di 32 gradi )
  • Mettere il cioccolato fondente sulle pareti dello stampo e fare raffreddare in freezer 10 minuti
  • fare un secondo passaggio e rimettere in freezer
  • farcire una metà con la spalmabile alla mandorla, adagiare una mandorla e riempire l’altra metà con quella alla nocciola
  • rimettere in freezer mezz’oretta
  • sciogliere i restanti 20 grammi di fondente e metterlo nella sac a poche
  • tagliare la punta della sacca piccola in modo da usarla come penna per fare il perimetro con il cioccolato e chiudere le due metà
  • levare gli eccessi di cioccolato ed avvolgerli nella stagnola
  • confezionare a piacimento

DOLCI PER INTOLLERANTI

Baci di dama lactose free

 

Diciamolo chiaramente, quante pasticcerie ci hanno riso in faccia alla nostra richiesta di torte i dolcetti senza lattosio? – Io ci ho rinunciato da anni e anni proprio-Ma zero di zero, siamo solo un inutile spreco di tempo e pulizia di macchinari. E non capisco ancora a pieno come mai per i vegani quasi tutte iniziano a sbattersi e per noi no – 2 idee ce le ho ma non è questa la sede in cui parlarne – ma “ Dolci per intolleranti” un’azienda in provincia di Trani è una pasticceria che produce nel loro laboratorio e consegna in tutta Italia, vi chiederete cosa c’è di strano?! È una delle pochissime aziende che fa dolci per intolleranti e non li fa associati , cioè un panettone gluten free/ lactose free e pure vegan tutto insieme, li fa separati. Ecco il lusso. Un pandoro per noi intolleranti che non sia anche privo di glutine e uova per esempio, volete mettere ?!!

E la seconda bella, anzi bellissima notizia sapete qual’è??? Che fanno anche i prodotti da pasticceria senza lattosio, dai baci di dama alle sfoglie, dai fiammiferi ai cioccolatini. Basta un click sul loro e-commerce e in poco ti arriva a casa il vassoio dei dolci come se fossimo appena stati in una normale pasticceria !
Ps: i baci di dama sono buonissimi!
Vi lascio il link al loro e-commerce
E il video che ho messo sui fb dei prodotti che mi hanno mandato!