MINESTRINA CON ZUPPETTA DI PESCE (senza lattosio, senza latticini)

La minestra??? No dai, non puoi fare sul serio! Non puoi dirmi che hai voglia di minestra!!

E così ogni volta inizia la telefonata con mio marito, il quale appena uscito dal lavoro mi chiama e mi chiede cosa mangiano per cena, all’inizio la domanda era pronta subito dopo il ciao, adesso, dopo 7 anni di matrimonio, lascia passare 4/5 minuti prima di chiedere (ve lo devo confessare, sono convinta che mi veda come un grosso pollo allo spiedo) e se la risposta è la minestra apriti cielo, minuti interminabili di silenzio e poi mi dice ok. Un ok depresso e inquietante, manco gli avessi rigato la macchina, o bollato la portiera contro un inutile paletto. Forse quest’ultima l’ho fatta, ma per sbaglio, GIURO!!  La minestra, per lui, equivale ad una proposta di guerra. Una guerra silenziosa ed infida che si conclude con me, moglie ariete testarda come poche al mondo, che compra la pastina, anzi per l’esattezza i Grattoni all’uovo. Negli anni la minestra l’ho dovuta un po’ cambiare, non può mangiare fibre per cui ho trovato altre soluzioni, in questa ricetta l’unica fibra che non può sono solo la buccia del pomodoro che con taaaaanto ammmore e pazienza gli levo e i semini, che con altrettanto ammmmmmore colmo di pazienza levo … del resto lui mangia la minestra, un compromesso bisogna pur farlo!

Così arriva a casa e trova questa zuppetta con immersa la sua amata minestrina e se la mangia di gusto, dicendomi pure “buona “! Che poi, vi devo confessare anche questo, lui è il re dei complimenti, ne ha un intero vocabolario nella sua memoria, 1480 pagine di “buono & bene” … che si ripetono per 2/3 volte in base al piacere che gli suscita. Com’è la minestina? “Buona!” Com’è la carbonara? “buona- buona- buona”. Come sto? “bene” … sicuro? “bene- bene” … se non avessi i gatti credo mi comprerei un pappagallo e gli farei imparare quelle 2/3 frasi che ogni donna vorrebbe sentirsi dire, oltre al “ bene-bene “ e “buono-buono- buono” che ormai ho imparato ad amare e interpretare!

 

Zuppa

INGREDIENTI:

140 g  di grattoni  o la pastina che più preferite

5/6 pomodori

2/3 etti di telline, se non le trovate vanno bene anche le classiche vongole veraci

5/6 totani lavati e puliti

cipolla

prezzemolo

timo

vino

olio

sale & pepe

brodo vegetale che faccio con cipolle,carote  e zucchine

 

PROCEDIMENTO:

  • Preparate il brodo vegetale mettendo semplicemente una zucchina, una carota e mezza cipolla tutte ben pulite e tagliate a pezzettoni in acqua salata. Fate cuocere almeno mezz’oretta.
  • Iniziamo mettendo le telline in padella calda, con coperchio chiuso fino a quando non si aprono tutte, o quasi, mi raccomando quelle chiuse è bene non mangiarle.
  • Levatele dalla padella e filtrate il puccino in modo da eliminare la sabbia.
  • Pulite anche la padella così non rimarranno tracce di sabbia e rimette il tutto sul fuoco, con qualche fettina di cipolla.
  • Una volta calda, aggiungete il restante pesce e sfumate con il vino , quando sarà evaporata bene la parte alcoolica richiudete con il coperchio e cuocete per 5/6 minuti, aromatizzare con pepe, prezzemolo e timo. Se si asciuga molto prelevate il brodo di verdure  e versatelo dentro poco per volta.
  • Cuocete la pastina nel brodo vegetale , scolarla ed aggiungerla al pesce.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *