Archivi categoria: RICETTE FACILI

SPIEDINI DI SALMONE CON MOZZARELLA, UVA e ZUCCHINE ( senza lattosio)

Spiedini senza lattosio con uva

Un settembre che sembra luglio, il caldo reclama a gran voce un aperitivo/antipasto fresco ma offre già tutte le delizie autunnali come l’uva, la zucca e altre meraviglie. Oggi vi propongo un mix con questa bellissima e dolcissima uva fragola messa negli spiedini di salmone affumicato, mozzarella lactose free e le zucchine.


INGREDIENTI:

una zucchina piccola
100 g di salmone
una mozzarella senza lattosio ( 0,01%)
qualche acino d’uva
limone
olio
sale & pepe

 

PROCEDIMENTO:

  • lavo bene l’uva e le zucchine
  • taglio con il pelapatate le zucchine sottilissime
  • taglio la mozzarella a cubetti
  • taglio il salmone a strisce
  • preparo un intingolo con il limone, l’olio, il sale e il pepe
  • arrotolo le zucchine e il salmone e li infilo nello spiedino
  • Infilzo anche l’uva e la mozzarella
  • spennello bene con l’intingolo tutto lo spiedino e aggiungo il pepe appena grattato in superficie.

CRÈME CARAMEL ( senza lattosio)

Cream caramel senza lattosio

La ricetta l’ho presa dal web ed addattata a noi intolleranti, l’ho scritta in un post it per poi abbandonarlo nel cassetto per mesi… ( faccio sempre così purtroppo), l’altro giorno l’ho ritrovato e mi sono detta “adesso è ora di farlo” ! Tra l’altro mi scuso se non cito la fonte ma non riesco più a trovarla 😅

Certo la cottura è un po’ lunga  ma ne vale davvero la pena.

INGREDIENTI:

500 ml di bevanda di cocco ( o se preferite latte Accadì con lattosio 0,01%) o di soia se la tollerate
1 uovo intero e 2 tuorli
70 g di zucchero
vaniglia Bourbon in polvere

100 g di zucchero per il caramello

 

INGREDIENTI

  • scaldare in un pentolino la bevanda vegetale con la vaniglia fino a sfiorare il bollore poi spegnete e lasciate raffreddare
  • in una ciotolina sbattete le uova con lo zucchero senza montarle
  • aggiungente il cocco e la vaniglia mescolando bene
  • In un pentolino d’acciaio con il fondo alto mettete lo zucchero a sciogliere a fuoco basso fino a quando non imbrunirá
  • a questo punto distribuitelo nei contenitori, circa 5 a me ne sono usciti,  e versate subito il composto con bevanda di cocco e uova .
  • preparate una teglia con 2 dita di acqua dentro e adagiate i bicchieri
  • cuocete in forno ventilato 2 ore a 130 gradi .
  • lasciate raffreddare a temperatura ambiente e una volta freddi copriteli con la pellicola e metteteli in frigorifero
  • servite nel bicchiere o se preferite rovesciateli un un piattino stando attenti a non romperli

 

PASTA PANCETTA E FICHI ( senza lattosio, senza latticini)

Questa ricetta me l’ha insegnata Silvia, una delle tante pazze ( è talmente fuori che per lei la ciambella NON ha il buco!!) tra le intolleranti che ho conosciuto nei vari gruppi di intolleranti!

Pasta pancetta e fichi

INGREDIENTI:

mezza cipolla rossa
una confezione di pancetta dolce senza lattosio
2 fichi maturi
olio
sale
pepe
peperoncino
PROCEDIMENTO:

  • tagliare la cipolla e metterla a rosolare con un filo di olio
  • aggiungere il peperoncino e  la pancetta e una volta sciolto il grasso aggiungere i fichi , senza buccia ovviamente.
  • quanto saranno diventati cremosi regolare di sale e pepe
  • Scolare la pasta lessata in abbondante acqua salata e amalgamarla alla crema , se serve aggiungete acqua di cottura saggiamente tenuta da parte !

RISOTTO ALLO ZAFFERANO CON LIQUIRIZIA ( senza lattosio, senza latticini)

 

Mentre il caldo afoso ci sta dando un po’ di tregua ne approfitto sia per farmi un risottino che per darvi la mia , fondamentale, classifica sull’estate da social.

Il terzo posto se lo aggiudicano le vamp da mare: gente che arriva in spiaggia con le zeppe alte 28 cm con rialzo interno come Berlusconi – ci credo che non senti la sabbia bollente, sei arrivata all’inferno ormai con la suola- collana con ciondolo di 76 metri quadri per 36 kg di peso – hanno la patente del muletto per alzarsi eh , non crediate che siano delle sprovvedute – cappello di paglia come me nönù – lui sì che era trendy- e TRUCCO sobrio … sulle labbra un bel rosso inferno per stare in tinta con le suole delle scarpe, sugli occhi quel blu “ Alla ricerca di Dory” con sfumature gialle effetto sbarluccico tipo triglia, e sulle gotee giusto un tocco color pesca : “sai in spiaggia sta male troppo trucco!” Enzo&Carla levatevi proprio

Al secondo posto ci stanno le salutiste a tempo determinato, cioè quelle che per 355 giorni l’anno si scofanano a colazione peperonata ,carbonara , melanzane sott’olio fritte poi rifritte e riscaldate nell’olio – roba che se gli dai un pizzicotto esce la bottiglia dell’olio Cuore con la staccionata già saltata e impacchettata – scrofe , porchette , sedie e le saracinesche dei negozi.
In quei 10 giorni al mare li spurgano proprio tutti i loro peccati di gola con un tè senza teina né caffeina in tazza da caffè ma caffè lungo lungo lungo lungo , senza zucchero, senza dolcificanti, senza tè , e ovviamente senza parabeni, petrolati , siliconi e pailletes – sia mai –
Per poi avere le energie necessarie al loro fabbisogno accompagnano la bevanda sopra citata ( acqua) con un mix di semi e frutta essiccata – bifudus levati subito proprio che tanto c’è il pulcino Pio che li becca – rigorosamente senza lattosio, senza glutine, senza fruttosio, senza crusca, senza fibre solubili in acqua marina o di piscina , senza lasagne, senza polpettone della mamma e con un INCI da bollino verde fluo – che t’emoziona –

Al primo posto ci sono i PIEDI.
I piedi.
Sì… avete letto bene : I PIEDI!
Lo scorso anno c’erano salsicce e würstel – alcune senza dubbio carine- con sfondo mare , quest’anno vanno di brutto i piedi, meglio se con almeno 37 vene sporgenti a vista – puoi quasi prendergli le pulsazioni cardiache fissandoli, grazie all’innalzamento della pressione arteriosa dovuto alla colazione dei 355 giorni l’anno –
Lo smalto sbeccato o magari di un colore che ci azzecca con la carnagione come un water in mezzo al salotto.
Pedicure fatta nel 98 a.c. con le cesoie che usava la zia Gesmunda per raccogliere i pumgranin sui terreni misto sabbiosi e OVVIAMENTE limate inserendo un dito per volta dentro alla ghigliottina, infine vengono impreziosite sul POLLICIONE -più largo è meglio è- da un diamante 47 carati di purissima altissima e pregiatissima plastica pleso dall’omaggio ciondolante rosso che ti da il listolante cinese se trinchi glappa tutta la sela.
Ma attenzione l’importanza non la da solo la minuziosità nella cura del piede ma anche il luogo in cui lo si fotografa: in giardino, sull’asfalto, dentro la fontana di BelzeBù con l’acqua colorata, in posa davanti alle mattonelle del bagno dell’osteria “ La vecchia pollaia” , ma il top del top del top è nell’angolo di mare più bello del mondo, cioè quello in mezzo al plancton, alle alghe kombu e alle meduse che lo fissano e per l’emozione ti svengono in superficie.
Oppure incoronati dalle infradito fatte con la bucce di banana e il resto della decorticazioni del fagiolo nero messicano, di 4 numeri inferiori che lascia quel bellissimo effetto piede di porco – che volendo potete pure entrate nel caveau della banca più vicina , mica suona niente, è roba vostra , tutta natür –

#ilmegliodellestate2018
#risottoliquirizia
#lactosefree

Risotto zafferano e liquirizia

Semplice, veloce, particolare e dal sapore inaspettato.. cos’è?! Il risotto con lo zafferano e la liquirizia!

INGREDIENTI:

150 g di riso
1 bustina di zafferano in polvere
cipolla
vino bianco
sale
olio
liquirizia in polvere
brodo vegetale ( io lo faccio con cipolla , carote e zucchine)

 

PROCEDIMENTO:

  • Mettere la cipolla a rosolare nell’olio
  • aggiungere il riso e sfumare con il vino bianco
  • Una volta evaporato l’alcool aggiungere il brodo in modo graduale girando spesso e sistemare di sale
  • 2 minuti prima della fine della cottura aggiungere la bustina di zafferano e mescolare bene
  • se volete a fine cottura potete togliere dal fuoco e amalgamare con un burro delattosato o con un formaggio vegano cremoso
  • adagiare sul piatto e spolverare la superficie con la polvere di liquirizia

PANATURA AROMATICA (senza lattosio, senza latticini)

Cotoletta con panatura aromatica senza lattosio

In Lombardia la cotoletta è una dei secondi di carne che vanno per la maggiore, la tipicità sta non solo nel taglio di carne , nel tipo di carne e nella cottura nel burro ( proibitivo per noi intolleranti) ma anche nella panatura – guai a chi mi tocca le cotolette!!- oggi però faccio uno strappo alla regola, più di uno, diciamo che la stravolgo 😅,  e vi propongo una variente arricchita di spezie ed insaporitori.

INGREDIENTI:

6 fettine sottili di vitello ( chiedere al macellaio se ve le fa già lui)
olio
pangrattato
sale & pepe
timo limonato
sesamo
erba cipollina
scaglie di lievito inattivo
1 uovo grande

PROCEDIMENTO:

  • preparare la panatura mischiando il pangrattato con 2 cucchiai di scaglie di lievito, un cucchiaino di timo, un cucchiaino di erba cipollina, sale e pepe qb

Cotolette con panatura aromatica senza lattosio

  • sbattete l’uovo con un pizzico di sale
  • fate una doppia panatura passando il vitello prima nell’uovo, poi nel pangrattato e ancora nell’uovo finendo con il pangrattato

Cotoletta con panatura aromatica senza lattosio

  • ora non rimane che friggere in olio di semi per pochissimi minuti ed è pronta.

 

PASTA CON CIUFFI DI TOTANO, POMODORO E LIMONE (senza lattosio, senza latticini)

Pasta con ciuffetti e pomodori lactose free

Si dice che i condimenti più buoni per la pasta siano quelli pronti nel tempo di cottura della pasta stessa. La carbonara, la gricia , la cacio e pepe, il pesto, il classico pomodoro e basilico, la sublimità degli spaghetti con le vongole e potrei andare avanti per ore. Nel mezzo vorrei aggiungerci anche i ciuffetti di totano con pomodori e una leggera spolverata di polvere di limone!

INGREDIENTI:

250 g di pasta a vostra scelta
200 g di ciufetti di totano ( meglio se freschi e già puliti dal pescivendolo)
5/6 pomodorini maturi
timo & cipolla
sale & pepe
timo
polvere di buccia di limone

PROCEDIMENTO:

  • pulire bene i ciuffetti
  • mettere la cipolla a soffriggere insieme all’olio
  • Aggiungere i ciuffetti di totano
  • alzare la fiamma e sfumare bene con il vino bianco
  • una volta evaporato abbassare la fiamma e aggiungere i pomodorini ben lavati e tagliati a pezzettini piccoli
  • regolare di sale e pepe e aggiungere il timo, se si asciugano troppo allungare con acqua di cottura della pasta
  • lessare in abbondante acqua salata  la pasta e una volta cotta scolarla e farla saltare in padella con i ciuffetti
  • Servire spolverando la polvere di limone in superficie e una grattata di pepe

 

Vi ricordate del Lactose free expo di quest’anno?! Io ho già prenotato l’albergo e vi aspetto!

https://www.glutenfreeexpo.eu/in

PASTA FREDDA TONNO, POMODORI E TIMO (senza lattosio, senza latticini)

Un omaggio al meraviglioso uomo che ho sposato, quello che alle 6 del mattino, prima di andare al lavoro, si alza e prepara la pasta fredda per pranzo in modo che io possa riposare il più possibile. Quello che mi fa trovare la colazione pronta e sul tovagliolo scrive ” il pranzo è pronto in frigo”. Ecco la sua ricetta.

Pasta fredda tonno e pomodori lactose free

INGREDIENTI:

180 g di pasta
1 pomodoro grande
2 scatolette di tonno al naturale
erba cipollina
timo
olio
sale & pepe

 

PROCEDIMENTO:

  • Lessare la pasta in abbondante acqua salata
  • scolarla, passarla sotto l’acqua fredda e condirla subito con l’olio extravergine d’oliva
  • lavare bene i pomodori ( se non potete mangiare la fibra levate la buccia e i semi) , tagliarli e condirli con olio, sale e pepe
  • condire la pasta mettendo i pomodorini, il tonno e poi a piacere erba cipollina, timo e pepe

Continua la lettura di PASTA FREDDA TONNO, POMODORI E TIMO (senza lattosio, senza latticini)

CROSTATA CON CREMA PASTICCERA ALLA VANIGLIA (senza lattosio, senza latticini)

Crostata con crema pasticcera senza lattosio

INGREDIENTI:

1 base di frolla pronta senza lattosio ( io ho usato Stuffer)

per la crema :

250 ml di latte senza lattosio ( 0,01%)
2 tuorli ( io ho usato quelli a pasta gialla)
40 g di zucchero
10 g di farina
10 g di amido di riso
1 cucchiaino raso di vaniglia Bourbon in polvere
frutta a piacere ( io ho usata pesche e mela verde perchè non avevo altroma l’ideale sarebbero i frutti di bosco , le fragole ecc)

PROCEDIMENTO:

  • togliere la base pronta dal frigo qualche minuto prima per non romperla ed adagiarla nello stampo , mettere un pezzo di carta forno e aggiungere i fagioli secchi
  • Infornare a 180 gradi per 10/15 minuti o fino a leggera doratura
  • Preparare la crema pasticcera montando i rossi con lo zucchero, aggiungere poi le farine ben setacciate e il latte caldo a filo
  • Rimettete la crema sul fuoco fino a quando non si sarà addensata
  • Versatela in un contenitore di ceramica , copritela a contatto con la pellicola e lasciatela raffreddare
  • pulite e lavate bene la frutta
  • assemblate mettendo la crema con l’ausilio di una tasca da pasticcere e la frutta a fettine ( se non la mangiate subito spruzzate la gelatina sulla frutta altrimenti si rovina)

Continua la lettura di CROSTATA CON CREMA PASTICCERA ALLA VANIGLIA (senza lattosio, senza latticini)

FINGER FOOD DI BRISEE AL Tè MATCHA E MIRTILLI (senza lattosio, senza latticini, vegan)

I finger food sono qualcosa di unico, è tutto in un solo boccone, un tripudio di sapori dalla prima nota fino all’ultima.  Loro sono senza dubbio la mia più grande passione, mi piace la forma, mi piacciono i colori, l’insieme di sapori, mi piace la loro precisione e la simmetria con la quale si creano , mi piace proprio tutto di loro e oggi ne approfitto per dargli omaggio con una versione dolce: tè matcha e mirtilli, totalmente vegetale !

Delizie di Brisèe al tè matcha e mirtilli

INGREDIENTI:

Una confezione di brisèe senza lattosio ( io uso Stuffer)
una lattina di latte di cocco
3 cucchiai di zucchero
1cucchiaino raso di tè matcha
mirtilli freschi
menta per guarnire

PROCEDIMENTO:

  • Tagliare con un coppa pasta dei dischetti di grandezza proporzionata  allo stampo in cui le andremo a mettere
  • Si può procedere in 2 modi: si spennella l’interno dello stampo, si mette l’impasto e un foglietto di carta forno con sopra i fagioli secchi oppure si mette sullo stampo al contrario, sempre spennellato appena appena di olio e si inforna a 180 gradi per 10 minuti circa , controllate sempre la colorazione della pasta
  • Dopo aver lasciato il latte di cocco in frigorifero per almeno 24 ore , apritelo nella parte sotto e fate uscire la frazione liquida ( non buttatelo si può usare per altro)
  • Prendete la parte solida e con una frusta montatela con lo zucchero
  • Aggiungete il tè matcha e fatela indurire qualche ora in frigo
  • Mettete la crema di cocco nella sac a poche e adagiatela sui guscetti di brisèe
  • Lavate bene i mirtilli, metteteli sopra la crema e guarnite con una fogliolina di menta.

delizie di brisèe al tè matcha con mirtilli lactose free

 

CHOMP CON PANNA, FRAGOLE E CIOCCOLATO (senza lattosio, senza latticini)

Sbirciando le bellissime creazioni della pagina Cakemania mi è venuta proprio voglia di preparare un dolcetto, ma il tempo era davvero limitato, così ho pensato a questa versione ben più cicciosa dei soliti Biscuffin, ma sempre facili, veloci e sfiziosissimi!

 

chomp senza lattosio

INGREDIENTI:

100 g di farina
100 g zucchero
100 g di panna vegetale (io ho usato la Hoplà verde)
4 g di lievito
2 uova
vaniglia

per la farcia

fragole
gocce di cioccolato fondente
100 ml di panna vegetale

 

PROCEDIMENTO:

  • Montare bene le uova con lo zucchero fino a sbiancare
  • Aggiungere la panna vegetale e la vaniglia
  • Setacciare la farina con il lievito dentro al composto
  • Lavare, pulire bene le fragole e tamponare con lo scottex l’eccesso di liquido
  • Mettere un cucchiaio di composto nei pirottini, aggiungere le fragole e le gocce di cioccolato, coprire bene con un altro cucchiaio di composto stando attenti a non superare mai i 2/3 di altezza del pirottino
  • Infornare a 180 gradi in forno ventilato per 20-25 minuti. Fa sempre fede la prova stecchino
  • Lasciar raffreddare e decorare con la panna vegetale montata ben ferma e le fragole