Archivi categoria: PIATTI RUSTICI

CHIPS DI MELANZANE:

Oggi è la giornata dedicata alle verdure, ricche di fibre, vitamine e acqua sono un alimento fondamentale della nutrizione. Io vi propongo queste semplicissime chips!

INGREDIENTI:

Due melanzane di quelle lunghe e strette
Un cucchiaio di semola
Un cucchiaio di pangrattato
Un cucchiaino di lievito di birra inattivo
Sale & pepe
Erbe aromatiche a vostro piacere

PROCEDIMENTO:

  • Lavare bene le melanzane e tagliarle sottili
  • Adagiarle su un foglio di carta forno ben separate e metterci il sale sopra
  • Lasciare che il sala faccia uscire l’acqua e poi tamponarle bene con lo scottex
  • Preparare la panatura mescolando la semola, il pangrattato, il lievito, il pepe e l’erba aromatica
  • Passarw le fette di melanzane nella panatura ed adagiatele su un foglio di carta forno pulito
  • Mettete un filo di olio sopra e cuocete a 200 gradi per circa 10/15 minuti!

PASTA RICOTTA E PEPERONI ( senza lattosio)

Pasta ricotta e peperoni senza lattosio

 

Che mi piaccia la ricotta è davvero una novità, c’è in commercio forse da 3 o 4 anni senza lattosio, ma l’ho sempre lasciata al banco frigo del supermercato convintissima che fosse granulosa e poco gradevole. Invece , sia nel dolce che nel salato non è affatto male, certo non mi fa sbarellare ma da quel tocco di cremosità in più che in molti piatti aiuta!

Ps: qualcuno sa come si chiama questo formato di pasta?

INGREDIENTI:

200 g di pasta a vostra scelta
Mezzo peperone rosso
Mezzo peperone giallo
2 cucchiai di ricotta senza lattosio
Uno scalogno
Olio
Sale
Pepe

PROCEDIMENTO:

  • Lavare bene i peperoni, levare l’interno, i semini e mi raccomando la parte bianca che lascia sempre una nota amara
  • Tagliare lo scalogno a fettine sottili e metterlo a rosolare in padella con un filo di olio
  • Fare una piccola dadolata con i peperoni ed aggiungerla alla cipolla
  • Aggiungere sale e pepe e far cuocere aggiungendo poco alla volta l’acqua di cottura della pasta
  • Lessare la pasta in abbondante acqua salata
  • Scolarla e metterla in padella con i peperoni
  • Aggiungere i due cucchiai di ricotta e una volta sciolta bene spegnere e servire !

Se fate fatica a digerire i peperoni scottateli al forno e levate la pelle, così ne risulteranno più facilmente digeribili!

ROSE DI SFOGLIA con PAOLINA ED AMARISSIMA (senza lattosio, senza latticini)

Rose di sfoglia senza lattosio

Golosità allo stato puro, il croccante della sfoglia unita alla cremosità di due spalmabili pressochè eccellenti, due gusti unici che insieme la rendono davvero golosa ed accattivante!

INGREDIENTI:

un rotolo di sfoglia senza lattosio ( io uso Stuffer)
zucchero a velo
40 g di amarissima ( crema di cioccolato fondente)
40 g di paolina ( crema di arachidi)

PROCEDIMENTO:

  • stendere la sfoglia a tagliarla in 3/4 strisce belle spesse
  • unire l’Amarissima con la Paolina
  • stendere il mix nella parte centrale della striscia di sfoglia
  • chiudere bene i bordi e la parte alta
  • tagliare a metà le strisce farcite
  • arrotolare partendo dalla parte centrale lasciando così per ultima la parte ben sigillata in modo che non uscirà la farcia
  • infornare a 180 gradi fino alla doratura della sfoglia
  • una volta fredde spolverare con lo zucchero a velo

 

 

VELLUTATA DI ZUCCA AL ROSMARINO E CECI ( senza lattosio, senza latticini, senza glutine)

Vellutata di zucca al rosmarino con ceci e pancetta

Un piatto ricco, calorico e perfetto per questa stagione fredda. La crema di zucca con i ceci rolosati e la pancetta croccante sono il giusto mix tra goloso e nutriente, soprattutto se abbinati ad una bella dose di verdure fresche.

INGREDIENTI per 2 persone

1/4 circa di zucca
160 g di ceci ( ho usato quelli secchi Selex)
40 g di pancetta senza lattosio
2 cipollotti
rosmarino
sale
pepe
peperoncino
olio

PROCEDIMENTO:

  • mettere in ammollo almeno 12 ore i ceci secchi
  • scolarli e sciacquarli bene
  • in un tegame mettere un cipollotto ad appassire, aggiungere i ceci, il pepe , il peperoncino, il rosmarino e coprire con l’acqua calda
  • far cuocere per circa un’oretta e verso fine cottura salare ( questo permette ai ceci di restare morbidi e non buttare fuori l’acqua)
  • levare la buccia alla zucca e tagliarla a dadini
  • lessarla in abbondante acqua per circa 20 minuti
  • in un tegame a parte rosolare il cipollotto con poco olio, aggiungere la zucca, il sale e il rosmarino ed una volta uniformato il tutto rendere a crema con il frullatore ad immersione
  • rosolare la pancetta  senza olio a parte ed aggiungere i ceci per pochi istanti
  • servire mettendo la vellutata di zucca sul fondo, poi i ceci e la pancetta ed un filo d’olio a crudo.

 

CROSTINI ALLE OLIVE (senza lattosio, senza latticini)

Un gusto molto particolare e deciso per questi crostini, olive e rosmarino!

Crostini alle olive senza lattosio
INGREDIENTI:

150 g di farina manitoba
8 g di lievito di birra fresco
5 g di zucchero
qualche rametto di rosmarino fresco tritato
20 g di scaglie di lievito inattivo
1 uovo
20 g di olive taggiasche + 30 g di olive verdi
40 ml di bevanda di riso
sale fine qb

PROCEDIMENTO:

  • metto in planetaria la farina, aggiungo il sale e mescolo bene il modo da isolare il sale
  • aggiungo il lievito sciolto nello zucchero, la bevanda di riso tiepida e inizio a impastare con il gancio
  • aggiungo l’uovo
  • mi armo di tantaaaaaa santissima pazienza e levo il nocciolo a tutte le olive e le taglio a pezzetti
  • aggiungo olive e rosmarino quasi a fine impasto, quando risulta quasi liscio ed omogeneo
  • prendo una teglia rettangolare, la spennello con l’olio e adagio l’impasto
  • metto a lievitare in forno chiuso coperto da un canovaccio con la lucina accesa
  • lascio raddoppiare l’impasto ( ci vorranno circa 3/4 ore)
  • cuocio a 180 gradi in forno statico per circa 20/25 minuti
  • lascio raffreddare e taglio a fettine
  • inforno a 180 gradi per 10 minuti circa ( controllate in colore, cambia in base al vostro forno il tempo )
  • lascio raffreddare e servo!

BISCOTTI AL VOLO ( senza lattosio, senza latticini, senza glutine)

Biscotti al volo senza lattosio senza glutine senza latticini

Come al solito è una delle tante ricette trovata su libri e web che segno sui post it ed abbandono per mesi e mesi nel cassetto della cucina fino a quando non trovo l’illuminazione e mi metto a farle!

La cosa bella di questi biscotti sono l’assoluta rapidità – #zerosbatti – con cui sono pronti e la totale assenza sia di latticini e lattosio che di qualsiasi farina che li rende anche senza glutine ed adatti ai celiaci.

INGREDIENTI per circa 10/15 biscottini:

125 g di farina di mandorle ( oppure mandorle /noci/ nocciole che vi basterà tritare grossolanamente nel tritatutto)
50 g di zucchero semolato + 2 cucchiai di zucchero + 2 cucchiai di zucchero a velo
un albume
2 cucchiai di cacao amaro
se vi piace un cucchiaino di rum o di cannella o di caffè ( quel che preferite insomma)
mandorle per decorare

PROCEDIMENTO:

  • se partite da mandorle/noci/nocciole mettete nel tritatutto la frutta secca con lo zucchero e rendete a farina in modo molto grossolano
  • Se  partite dalla farina di mandorle aggiungete lo zucchero
  • aggiungete il cacao , l’albume e l’aroma che preferite
  • con questo impasto ( è appiccicaticcio) formate delle palline
  • passate le palline prima nello zucchero semolato e poi nello zucchero a velo
  • adagiate i biscotti su una placca da forno rivestita da carta forno e mettete una mandorla al centro
  • cuocete in forno preriscaldato a 180 gradi per 15 minuti
  • sfornate e lasciate raffreddare.

UOVA AL SUGO (senza lattosio, senza latticini, senza glutine)


Uova al sugo senza lattosio, senza latticini, senza glutine

A Natale si è tutti più buoni , lo sanno tutti … 

NO! A Natale le rogne criticone sul web sono ancora più infoiate, hanno proprio l’acido muriatico che gli scorre nelle vene misto al verde Grinch che fa tanto trendy.

Qualsiasi cosa fai è sbagliata, pure se la fai come dicono loro, è quel mix di scassacaxxxxxite, acccccidìa e incompetenza pressoché letale. Arrivano armati di google e ti tirano scema – è il loro pensiero da donarti per Natale, non si rifiuta un regalo che non piace, lo si fa sparire appena l’altro non ci vede!! Quindi lo accogli con gioia e amore- 

Vai al bar , chiedi una tazza di tè ed una brioche vegana  – che a regola è senza lattosio- e ti guardano come se stessi ordinando la morte del bacello di soia che poverina è affetta dal complottismo cosmico. Se la ordini normale , magari alla Nutella sei un’assassina di mammelle di mucca e di olio di palma. E guai a te se fai il gravissimo errore di ordinare una colazione mista con un cappuccino normale ed una brioche vegana, sicuro hai una faina di fianco che ti ascolta e scrive sulle pagine social che sei una cretina che non si cura, che non ha amor proprio, che non conosce l’alimentazione e nemmeno la sua intolleranza … la vergogna pura alla stregua di un assassino di cocciniglie. 

  • E se il cappuccino fosse per mio marito che è un normalissimo ciuccia lattosio?! Assolutamente no, non è contemplato nelle loro menti- 
  • E se semplicemente mi piacesse il gusto cartone bagnato con acqua piovana e la sua pluricartonstratificazione della brioche vegana?! Assolutamente no, devi essere leale alla mammella della bovina o al legume. Punto. Le sfumature non esistono. 

Dopo di che si accaniscono sui post pubblici o meno della rete, se metti una ricetta con l’aglio sei una pazza che rendi gli aliti pestilenti a chiunque e a Natale, non si fa, sei pazza, puzzare di sudore dopo la caccia alla renna e ai pandori lactose free va bene. Mangiare kg di asparagi che ti fanno urinare con “eau de mort”  va bene. Tanto te lo inali tu il profumo. Oppure la crema di mascarpone con le uova che lasciano nella mentina , e on air -on air sono le peggio- quella bella fragranza solfurea va bene. Impestilenziare i bagni pubblici o privati va bene. Ma l’aglio seppure stemperato e alleggerito apposta no. Ma proprio anche no – ma ci limoni con i tuoi parenti mi viene da chiedere?! Io sento già il turbamento quando si avvicinano per i 2 bacini sulla guancia, ma sul webbbe tutto è consentito. Anche mettere 3 , giuro,  TRE b a parola. 

🍪Fai la frolla della crostata con un burro delattosato. Pazza ma non sei intollerante?! Come fai a tollerare lo 0,01% di lattosio!? Povera bovina con le mammelle strizzate per fare il burro a te e l’aggiunta chimica della lattasi che è un processo NON naturale, sei pazza

– non magno un kg al giorno di crostata per esempio??-

🍪Fai la frolla con lo strutto. Sei pazza ti va il colesterolo alle stelle, troppo grasso , unto e poveri animali li ammazzi per una crostata?!

🍪Fai la frolla all’olio. Sei pazza che spreco e che pesante! Sai che le tirano sù negli allevamenti intensivi come le galline ste povere olive?! E il nocciolo che butti è una nuova vita che AMMAZZI!

🍪Fai la frolla con la margarina. Hai letto vero se è 100% vegetale?! 

Sì. È 100% vegetale.

E allora fa male lo stesso come il grasso animale, ha tanti grassi trans che causano la morte per apoptosi delle cellule renali. Si sa! 

🍪 E allora fai uno schifo alimentare e fai la frolla lievitata sostituendo il grasso del burro con la panna 100% vegetale. Sei pazza?! Il lievito mi fermenta nello stomaco. 

Levi il lievito e fa uno schifo immondo . 

A quel punto lasci perdere la frolla e ti dai ai prodotti lactose free , sono pronti avranno mica da rompere anche su quelli?!!

Ti sbagli . Ti sbagli alla stragrande. Eccome se hanno da rompere anche su quello. 

Ti mandano una spalmabile pressoché eccezionale – seguendo le normative dell’antitrust per la pubblicizzazione del prodotto –  e tu tutta felice e contenta di aver trovato il tuo gusto, la qualità e il lactose free addirittura certificato la pubblichi , sei proprio contenta e ti piace un sacco. Niente . Arrivano le faine che ti fanno notare che ti stai vendendo per 5 euro di barattolo “ scrivi che è buona perchè DEVI e ti pagano”

– non mi pagano e mi piace quel prodotto non è contemplato- sei proprio uno schifo indegno, illegale e immorale a fare sta cosa, vergognati, era meglio se ti davi alla caccia e alla spremitura delle ghiandole anali del castoro.

Smetti sia di pubblicare i post sul blog sia di condividerli su fb,  a quel punto ti scrive Mark una bella notifichina blu  – Mark è il sciur Facebook – dicendoti che i tuoi follower è da un po’ che non hanno notizie di te …

          🤦🏼‍♀️ 🤦🏼‍♀️🤦🏼‍♀️

Ps: l’Amarissima di @Oggi mi piace così tanto che ho chiesto a mio marito se me la regala per Natale, quel furbone l’ha ordinata ( e PAGATA sottolineo per voi faine!!!) tramite la mia mail che tra l’altro ho letto 😅😅😅😅

Pss: oggi vi lascio una ricetta grassa e piena di colesterolo, di una facilità ed una banalità che anche Oreo è in grado di fare! 

 🍳Uova al sugo al forno

#colesteroloSì #lactosefree

Questa fa senza dubbio parte delle ricette #zerosbatti , quelle che con la minima fatica ci permettono di avere un risultato comunque goloso.

INGREDIENTI ( 2 persone) :

4 uova
1 peperone piccolo
8 cucchiai di passata di pomodoro
sale & pepe
olio
erba cipollina

PROCEDIMENTO:

  • in una ciotolina a parte condire a crudo la passata con pochissimo olio, il sale e il pepe
  • lavare, togliere i semi, la parte bianca del peperone, tagliarlo sottile e condirlo con poco sale
  • mettere in 4 cocotte piccole la passata, qualche fettina di peperone , un uovo e condire con sale, pepe ed erba cipollina ( se avete una cocotte grande dove ci stanno tutte vanno bene anche tutte e 4 le uova insieme!)
  • chiudere le cocotte con il loro coperchietto ed infornare a 180 gradi per 15 minuti circa
  • levare il coperchio e lasciar cuocere ancora un paio di minuti
  • servire con il pane per fare una golosa scarpetta!

 

 

 

EMPANADILLAS DI POLLO e PESCHE

Empanadillas di pollo e pesche

 

INGREDIENTI:

Un rotolo di brisêe senza lattosio
250 g di pollo
50 g di pesche sciroppate
Mezza cipolla rossa
Olio
Sale & pepe

 

PROCEDIMENTO: 

  • Mettere a rosolare la cipolla tritate con poco olio
  • Aggiungete il pollo tagliato a pezzetti piccoli e fate rosolare bene
  • Quando il pollo sarà dorato aggiungete le pesche anch’esse a pezzetti
  • Salate, pepate e levate il tutto dal fuoco
  • Tagliate dei cerchi sulla pasta brisêe
  • Adagiate un cucchiaino di pollo e le pesche al centro della pasta e sigillate bene
  • Infornate a 180 gradi per 15 minuti

PISAREI E FASò (senza lattosio, senza latticini)

Pisarei e fasò senza lattosioI pisarei , tipici dell’Emilia, esattamente della zona del piacentino, sono un formato di “gnocchetto” molto particolare, il loro impasto infatti non prevedere l’uso delle patate ma del pangrattato che con acqua e farina formano questo panetto compatto. Verrà poi steso a cilindro e tagliato a piccoli tocchetti che una volta formati andranno poi lavorati per avere quella classica rientranza che permette alla pasta stessa di raccogliere il goloso sugo con cui si mangiano tipicamente. Io non ho fatto l’incavo ma vi assicuro che sono buonissimi lo stesso.

Anche per il sugo non ho seguito la tradizione che prevedere l’uso di lardo ma ho sostituito con la pancetta, mentre per i fagioli ho usato i cannellini invece che i borlotti.

INGREDIENTI:

per i pisarei:

100 g di pangrattato
100 g di farina bianca
100 g circa di acqua ( io vado ad occhio )
un pizzico di sale

per il sugo:

mezza cipolla
200 g di fagioli cannellini precotti
5/6 pomodorini freschi
100 grammi di passata di pomodoro
40 grammi di pancetta senza lattosio
olio
sale
pepe
qualche fogliolina di timo

PROCEDIMENTO:

  • mescolare la farina con il pangrattato e il sale e aggiungere poco per volta l’acqua
  • impastare fino a quando il panetto non diventa bello compatto
  • prendere delle piccole porzioni di impasto e fare con le mani i classici salsicciotti
  • tagliarli a tocchettini piccoli con il tarocco e se volete dare la forma tipica basta fare una leggera incisione all’interno con le  mani
  • lasciar riposare su un tagliere spolverato di farina
  • tagliare la cipolla a fettine, meglio se sottili e far soffriggere con la pancetta e un filo d’olio
  • aggiungere i pomodori lavati e tagliati a pezzettini
  • mettere i fagioli , il sale e il pepe e se vi piace il timo o il peperoncino per una nota strong in più
  • aggiungete la passata di pomodoro e fate cuocere a fiamma bassa per 15/20 minuti, aggiungendo acqua se serve
  • cuocere come dei normali gnocchi in abbondante acqua calda e salata, scolandoli appena salgono in superficie
  • versare i pisarei nel sugo di fagioli e far saltare bene in padella, servire belli caldi.
  • Pisarei e fasò senza lattosio

PISAREI (senza lattosio, senza latticini)


Pisarei piacentiniI pisarei , tipici dell’Emilia, esattamente della zona del piacentino, sono un formato di “gnocchetto” molto particolare, il loro impasto infatti non prevedere l’uso delle patate ma del pangrattato che con acqua e farina formano questo panetto compatto. Verrà poi steso a cilindro e tagliato a piccoli tocchetti che una volta formati andranno poi lavorati per avere quella classica rientranza che permette alla pasta stessa di raccogliere il goloso sugo con cui si mangiano tipicamente. Io non ho fatto l’incavo ma vi assicuro che sono buonissimi lo stesso.

INGREDIENTI:

100 g di pangrattato
100 g di farina bianca
100 g circa di acqua ( io vado ad occhio )
un pizzico di sale

PROCEDIMENTO:

  • mescolare la farina con il pangrattato e il sale e aggiungere poco per volta l’acqua
  • impastare fino a quando il panetto non diventa bello compatto
  • prendere delle piccole porzioni di impasto e fare con le mani i classici salsicciotti
  • tagliarli a tocchettini piccoli con il tarocco e se volete dare la forma tipica basta fare una leggera incisione all’interno con le  mani
  • lasciar riposare su un tagliere spolverato di farina
  • cuocere come dei normali gnocchi in abbondante acqua calda e salata, scolandoli appena salgono in superficie
  • condire con il sugo che preferite, si sposano davvero molto bene con i sughi di carne ma anche vari tipi di pesto e come è ovvio che sia si sposano perfettamente con i legumi.