MABKA Senza Lattosio è AILI’S Blog Approved!

IMG_3539
Ho il piacere di informarvi che il sito ha recentemente ottenuto la certificazione dall’Associazione Italiana
Latto-Intolleranti (AILI) a riconoscimento dei contenuti inseriti dedicati al mondo degli intolleranti al
lattosio.
Il logo identifica i blog dedicati agli intolleranti al lattosio che affrontano la tematica dell’intolleranza
al lattosio e/o preparano ricette gustose, ma senza lattosio, latte e derivati!
Il simbolo “AILI’s Blog Approved” premia le persone che dedicano il loro tempo a studiare, inventare e
cucinare ricette senza lattosio, latte e derivati.
Un lavoro di prezioso aiuto a chi si affaccia a questo nuovo mondo e deve seguire un determinato stile di vita,
molto spesso collegato anche a altre patologie.

Chi è AILI
Lo scopo dell’esistenza di AILI è quello di permettere alle persona intollerante al lattosio di vivere la
propria vita in modo sereno e consapevole, senza il bisogno di sentirsi “diverso”.
AILI ha l’obiettivo di far crescere il senso civico e l’attenzione sociale, sensibilizzando e diffondendo
la conoscenza della suddetta intolleranza.

Per maggiori approfondimenti:

www.associazioneaili.it

BIGOLI CON RAGù DI QUAGLIA SFUMATO AL RUM ( senza lattosio)

Ragù di quaglia


INGREDIENTI per 2 persone :

3 quaglie disossate di Quaja Veneta
260 grammi di bigoli freschi
rosmarino
uno scalogno piccolo
rum qb
sale
pepe
olio
una noce di burro senza lattosio ( con residuo inferiore allo 0,01%)
brodo vegetale  ben filtrato circa 300 ml  ( fatto con un litro d’acqua, una carota piccola, mezza cipolla e una zucchina)

PROCEDIMENTO:

  • tagliate a “ragù” la quaglia usando un coltello ben affilato
  • fate rosolare in padella lo scalogno con un filo di olio e una noce di burro
  • aggiungete la quaglia e una volta rosolata bene sfumate con il rum
  • quando la componente alcolica è evaporata abbassate la fiamma ed aggiungete gli aromi
  • infine unite il brodo vegetale caldo poco alla volta e fate cuocere per circa 10 minuti
  • intanto lessate i bigoli in abbondante acqua salata
  • scolateli e uniteli al ragù veloce di quaglia
  •  saltateli velocemente in padella e servite

 

Bigoli con ragù di quaglia

TORTIGLIONI CON CECI, ZUCCA E FICHI (senza lattosio, senza latticini)

Pasta ceci fichi e zuccaIn questo periodo il frutto che spopola di più sul web è il fico, goloso, energetico e dolce, esageratamente dolce tanto da contrastare benissimo con il salato. Io ve lo propongo in due modi, con la pancetta e la cipolla oppure questo di oggi con dei gusti altrettanto dolci sgrassati però poi dalle note più fresche del timo cedrino.

INGREDIENTI per due persone:

200 g di tortiglioni @evivalapasta
100 g di zucca già pulita
100 g di ceci precotti
2 fichi piccoli ( uno nella crema e uno di decorazione)
mezzo scalogno
olio
sale
timo cedrino

PROCEDIMENTO:

  • rosolate in padella lo scalogno con l’olio e unite un fico privato della buccia e tagliato a pezzetti piccoli
  • unite i ceci e la zucca tagliata a cubettini piccoli
  • aggiungete il sale e coprite con il brodo vegetale
  • fate cuocere per circa 20/25 minuti
  • lasciate da parte una manciata di ceci e zucca e frullate il resto a crema con il frullatore ad immersione
  • rimettete la crema in padella
  • lessate la pasta in abbondante acqua salata
  • scolatela bene e tuffatela nella crema
  • lasciate rapprendere bene e impiattate a vostro piacimento.

PENNE RIGATE CON PANCETTA, FICHI E PEPE (senza lattosio, senza latticini)

Questa pasta è entrata per caso nella mia vita più di un anno fa, grazie a Silvia, un’amica a cui voglio molto bene e da allora appena si presenta la stagione dei fichi la rifaccio sempre. Questa volta non potevo perdermi l’aggiunta di una pasta pressoché eccezionale.

Pasta pancetta e fichi senza lattosio 035486A9-0764-4B02-840D-7C799ED30337


INGREDIENTI
per due persone:

200 grammi di penne rigate @evivalapasta
2 fichi maturi
100 grammi di pancetta tagliata a listarelle
2 scalogni piccoli tagliati ben sottili
olio
sale
pepe bianco
condimento a base di riso ( alias panna di riso)

PROCEDIMENTO:

  • tagliate lo scalogno sottile e mettetelo a rosolare bene in padella con l’olio
  • aggiungete la pancetta e lasciate che perda un pochino del suo grasso
  • unite i fichi sbucciati e tagliati a pezzetti e il sale
  • lasciate che si caramelli il tutto e continuate la cottura aggiungendo poco per volta l’acqua della pasta
  • lessate la pasta in abbondante acqua salata
  • scolatela e unitela alla crema di fichi
  • aggiungete due cucchiai di panna di riso e amalgamate bene il tutto
  • impiattate a piacere

POMODORI CONFIT ( senza lattosio, senza latticini)

Pomodori confit

Oggi vorrei rendervi partecipi della piaga della pasta al pomodoro, una follia che sta dilagando sul web a macchia d’olio.

Un ritorno alle origini, ai sapori semplici, ai gusti di una volta, quelli unici che porti con te nel tuo bagaglio olfattivo-emozionale per tutta la vita. Un ritorno alla semplicità, di cose fatte con pochi ingredienti ma buoni che rendono il piatto una vera delizia.

Sì ma sempre pasta al pomodoro è!

Tu stai lì, pensi e ripensi alla ricetta, ci ripensi ancora, cerchi di capire cosa sta bene con cosa e chi con chi, abbini mentalmente sapori e i colori tenendo presente che un piatto perfetto ha bisogno anche di un contrasto cromatico. Pensi all’ora più idonea per pubblicarla, cerchi di far collimare le tue esigenze di mamma – lavoratrice e pure food blogger – con quelle dei tuoi follower, perdi ore a fare le foto, ore a sistemare le ombre, la luminosità , a scegliere il piatto giusto con la tovaglietta da abbinarci e tanto altro.

Il tuo risultato dopo tutta questa fatica è veramente una ciofeca. Una ciofeca immonda.

Loro invece no, hanno fatto una cavolo di pasta al pomodoro e hanno ottenuto un risultato pressoché strabiliante , uno che tu proprio ti sogni, ben lontano dai tuoi numeri e dallo sforzo che ci hai messo a fare tutto.

Hanno fatto la pasta al pomodoro, coi pomodori freschi mi raccomando che io di solito infatti uso quelli del 1999 con 21strati di muffa che scongelo solo in estate così sembrano di stagione.

Hanno messo una foglia di basilico sopra, ad esagerare due.

Hanno fatto uno scatto, UNO, col cellulare in modalità automaticissima con dietro i balconi al vento, perché si sa che per portarli in tavola è praticissimo tenere i piatti al seno .

Hanno ottenuto dei risultati che manco Coviddi non ce n’è .

Sapete cosa vi consiglio??? Andate tutti a fare la pasta al pomodoro e col tempo risparmiato per le foto mangiatevela calda!

Ps: io i pomodori ve li offro confit , ben 2 h di cottura 🤪 #sonRecidiva #nonImpareròMai

⤵️ RICETTA DIFFICILISSIMA ⤵️

🍎 lavate i pomodori
🍎 tamponateli bene con uno scottex
🍎 tagliateli a met
🍅 adagliateli su una leccarda rivestita di carta forno

🍅 unite aglio a piacere a pezzetti qua e l
🍅 metteteci lo zucchero di canna sopra
🍅 un trito di erbe che più vi piace e l’olio
🍅 infornate a 140 gradi per 1h e mezza circa ( i tempi variano in base alla grandezza del pomodoro)

 

Pomodori confit

QUAGLIA TONNATA CON CAPPERI E POMODORI (senza lattosio, senza latticini)

Quaglia tonnata
INGREDIENTI PER 4 PIATTI:

4 petti di quaglie Quaja Veneta
100 g di maionese
85 g di tonno sgocciolato
una quindicina di capperi
una decina di pomodori misti rossi e gialli
erbe aromatiche a piacere

PROCEDIMENTO:

  • lessate le quaglie in abbondante acqua bollente per circa 10 minuti
  • intanto schiacciate con una forchetta il tonno, aggiungete la maionese, il sale se serve , il pepe, i capperi e le erbe aromatiche fino a renderle a crema
  • lavate bene i pomodorini,  tagliateli a metà e conditeli con un filo di olio
  • lasciate raffreddare la carne, privatela delle ossa e servitela con la salsa, i pomodori , i capperi e le erbe aromatiche

FUSILLI ALLA BARBABIETOLA CON MOZZARELLA E FIORI DI ZUCCA (senza lattosio)

Questa pasta è di un fenomenale che non potete immaginare. Di solito i miei 39/40 kg ben portati li riempio con 70/80 grammi di pasta e si può dire? Mi sciunfano ( saziano per i non avvezzi allo slang così schietto) da morire. Della loro pasta invece ne ho fatto davvero una gran scorpacciata, la digeribilità è senza dubbio il suo punto forte tanto da mangiarne tranquillamente anche 30/40 grammi in più.

Oggi vi lascio la ricetta di questa pasta rosata fatta con la barbabietola, gli ultimi fiori di zucca dell’orto e la mozzarella grattata sopra.

Fusilli alla barbabietola con mozzarella e fiori di zucca

INGREDIENTI per due persone:

200 g di fusilli @evivalapasta
mezza barbabietola precotta
una mozzarella abbastanza soda
3/4 fiori di zucca
uno scalogno piccolo
olio
sale
pepe
rosmarino

PROCEDIMENTO:

  • mettere la barbabietola nel tritatutto fino a renderla a crema
  • rosolate in padella uno scalogno piccolo tagliato fine con un filo di olio
  • unite la crema di barbabietole, il sale , il pepe e il rosmarino
  • lessate la pasta in abbondate acqua calda e salata
  • scolatela ed unitela alla barbabietola
  • lasciate qualche istante ad amalgamare bene
  • grattate la mozzarella sopra ed unite i fiori di zucc

 

È viva la pasta con barbabietole , mozzarella e fiori di zucca

PASTA éVIVA , AGRICOLA PIANO

L’agricola piano è un’azienda di Apricena in provincia di Foggia che lavora le farine mantenendo il germe di grano vivo. Sia la pasta che le farine sono fate mantenendo non solo la qualità ma anche l’etica,  per questo Raffaele Piano tiene ben fermi nella sua azienda 3 punti cardine:

pulito — usa tecniche biologiche e di agricoltura integrata. Tutela la biodiversità è le varietà autoctone infatti il loro grano è esclusivamente pugliese

giusto  — evita lo sfruttamento

buono — usa ricette antiche con tecniche all’avanguardia per le sue ricette in modo da preservare e qualità organolettiche del prodotto ed evitare l’uso di sostanze chimiche.

I loro prodotti sono senza glifosfati, senza micotossine, senza metalli pesanti e senza sostanze chimiche.

Ma che cosa ha di diverso la loro pasta?
“E’ prodotta da un grano ad alto contenuto proteico  (proteine
>14%)  che permette di migliorare la texture della pasta e quindi di ridurre la fuoriuscita
di amido durante la cottura, la quale una volta cotta sarà elastica, consistente e
non collosa”

“Grazie alla presenza del germe di grano, all’interno della loro pasta ci sono
sostanze protettive ed anti-infiammatorie per l’organismo. Il germe di grano è infatti
un concentrato di sostanze nutritive come aminoacidi, acidi grassi, sali minerali,
vitamine del gruppo B e tocoferoli (vitamina E).
Il risultato è una pasta che si cuoce in tempi brevi (8/10 min.), che mantiene la
cottura, dal sapore inconfondibile, capace di sprigionare un intenso profumo di
grano, conservare tutti i valori nutrizionali e la digeribilità della pasta di una volta”

Vi ho convinti?! Al 99%? Sono certa che con le ricette arriverete al 100% !!

 

Le ricette mie create per loro le troverete qui :

PENNE RIGATE CON PANCETTA FICHI E PEPE

FUSILLI CON BARBABIETOLA, MOZZARELLA E FIORI DI ZUCCA

TORTIGLIONI CECI, ZUCCA E FICHI

BIGNE’ SALATI CON CREMA DI BARBABIETOLA E BOCCONCINI DI QUAGLIA (senza lattosio)

 

Bignè salati lactose free
INGREDIENTI PER 16 Bignè PICCOLI

4 petti di quaglia di Quaglia Veneta
16 bignè già pronti senza lattosio
mezza barbabietola precotta
vino bianco qb
200 g di robiola senza lattosio
sale
pepe in grani
erba cipollina
olio

PROCEDIMENTO:

  • rosolate 4 petti di quaglia in padella con olio , sale e il pepe il grani
  • sfumate con il vino bianco e abbassate la fiamma
  • finite la cottura ( 10 minuti circa)
  • intanto in un tritatutto mettere a rendere a crema la barbabietola
  • prelevate circa 4 cucchiai  di crema ( regolatela a vostro piacimento) ed aggiungetela alla robiola poi unite olio, sale ed erba cipollina
  • aprite i bignè a 3/4 dell’altezza
  • farciteli con la crema e appoggiateci sopra i petti di quaglia  ancora caldi tagliati a fettine

DDD6AFD8-D6B6-437C-A292-5B73056B47FC

CESTINI DI SFOGLIA CON ZUCCA, CECI E FICHI

Cestini di sfoglia con ceci zucca e fichi

La mia moderatrice è pazza e a me piace proprio per questo.

Dal mix di 3 sondaggi che ha creato è uscito che noi #compagniaDelFornello dovevamo cucinare un antipasto con zucca e fichi. Mica semplice ma assolutamente fattibile e abbinabili.

Ecco la mia proposta con la fantastica sfoglia @stuffer Spa e il meraviglioso lemongrass di @italpepe

INGREDIENTI PER 9 CESTINI: 

150 g di zucca

200 g di ceci

due scalogni piccoli

due fichi

prezzemolo

sale

lemongrass

olio
brodo vegetale fatto con zucchina, cipolla e carota

PROCEDIMENTO:

  • tagliate la sfoglia con il coppapasta, fate dei buchini con i rebbi della forchetta e cuocetela a nudo nello stampo dei muffin con sopra un pesino
  • mettetela nel forno a 220 gradi per 15/20 minuti o fino a doratura
  • private la zucca di buccia e semi e tagliatela a pezzettini piccoli
  • scolate bene i ceci precotti dal barattolo
  • mettete a soffriggere lo scalogno tagliato ben sottile con un filo di olio
  • aggiungete i ceci, la zucca, il sale e il prezzemolo lavato e tagliato al coltello
  • aggiungete un fico senza buccia
  • coprite con il brodo vegetale e lasciate cuocere circa 20 minuti o almeno fino a quando saranno cotti e abbastanza asciutti
  • Frullate il tutto e adagiateli nei cestini
  • decorate a piacere

Cestini fichi, zucca e ceci

Cosce di quaglia fritte

COSCE DI QUAGLIA IMPANATE CON I CORNFLAKES E AROMATIZZATE ALLA PAPRIKA (senza lattosio, senza latticini)

Lo volete un aperitivo sfizioso ed originale? Oggi vi offro virtualmente le cosce di quaglia impanate con i cornflakes al naturale e la paprika. Le cosce sono quelle di Quaja Veneta!

Cosce di quaglia fritte

INGREDIENTI per 3 persone, 4 cosce a testa:

12 cosce di quaglia @quajaveneta
50 g circa di cornflakes al naturale
un uovo
due cucchiai di farina
sale
paprika piccante ( se preferite quella dolce va bene lo stesso oppure quella mista)
olio per friggere

PROCEDIMENTO:

  • levare la pelle alle cosce di quaglia
  • preparare in un piatto un uovo sbattuto con il sale e la paprika, in un altro la farina e nel terzo piatto i cornflakes
  • passate prima la coscia nell’uovo, poi nella farina, ripassate il tutto nell’uovo e infine nei cereali
  • friggete subito in abbondante olio ben caldo ( l’olio è pronto quando adagiando uno stuzzicadenti dentro intorno si formano subito le bollicine) per circa 5 minuti anche se ad occhio sono pronte quando sono belle dorate
  • tamponate bene con della carta assorbente da entrambi i lati
  • servite con una spolverata di paprika

Cosce di quaglia fritte